Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-53-53 i-24 l-01 m1-14 m3-22a ss09

La visita a Ponza degli amici sardi. Fotoracconto & versi

Condividi questo articolo

di Rita Bosso

.

Nel quadro delle celebrazioni per il gemellaggio tra Ponza e Santa Teresa di Gallura, si è celebrata nella nostra chiesa madre una messa di ringraziamento celebrata da don Ramon:

Mirella Romano invia le foto scattate durante la cerimonia conclusiva della visita; le accompagna con un componimento che ha realizzato per l’occasione: Ponzese Discendenza.

Ascolta qui il file .mp3:

Ie me chiamme Silverio,
e  ’u saccie ’u pecchè…
’u nonne m’ha cuntate
i  sacrificie ca facette…

Partette ’a PONZA
cu nu vuzzarielle
cu i rezze e i nasse a buorde
e n’a lenze pe’ pisca’,
ma sotte ’a prode,
Silverio pe’ l’aiutà…
e doie gallette pe’ s’i mangia’!

E mane mane ’a PONZA

s’alluntanave
’u core se strigneve,
se spezzave,
’u mare ’u bagnave
e ’u sole ’u sciuttave…

All’uocchie chiagnevane
e lacrime salate e amare scennevane…
Ma doppe tant’ juorne
’i ’sta triste navigazione
’nu scoglie a luntane vedette..
s’inginocchiaie
e cu’ l’acqua salate se signaie.

Era ’na benedizione
e San Silverio ringraziaie!!!
’U viaggie era fernute,
 pecche’ a Sardegne aveva avvistate
e Filomena soie, ambress’ sarebbe arrivate…

E così che ancora noi, oggi
per nostra riconoscenza diciamo
e ci sentiamo “Ponzese Discendenza’

Mirella Romano

I versi emozionano, esprimono come meglio non si potrebbe  il legame tra le due comunità. A conclusione della cerimonia un ospite si è avvicinato a Mirella, le ha detto di chiamarsi Silverio e che sua nonna si chiamava Filomena. Per dirla con Marquez: la realtà si concede lussi che alla narrativa non sono permessi, perché risulterebbe poco credibile.

Ho inserito i versi  come didascalie, ma vi consiglio di scorrere le foto mentre ascoltate la voce di Mirella.
Dell’evento ha già scritto Sandro Vitiello che ha cooperato con gli enti promotori: le amministrazioni comunali di Ponza e di Santa Teresa di Gallura, la Proloco di Ponza, la scuola Carlo Pisacane di Ponza.

Ie me chiamme Silverio,
e  ’u saccie ’u pecchè…
’u nonne m’ha cuntate
i  sacrificie ca facette…


Partette ’a PONZA
cu nu vuzzarielle
cu i rezze e i nasse a buorde
e n’a lenze pe’ pisca’,
ma sotte ’a prode,
Silverio pe’ l’aiutà…
e doie gallette pe’ s’i mangia’!


E mane mane ’a PONZA
s’alluntanave
’u core se strigneve,
se spezzave,
’u mare ’u bagnave
e ’u sole ’u sciuttave…


All’uocchie chiagnevane
e lacrime salate e amare scennevane…
Ma doppe tant’ juorne
’i ’sta triste navigazione
’nu scoglie a luntane vedette..
s’inginocchiaie
e cu’ l’acqua salate se signaie.


Era ’na benedizione
e San Silverio ringraziaie!!!
’U viaggie era fernute,
 pecche’ a Sardegne aveva avvistate
e Filomena soie, ambress’ sarebbe arrivate…

E così che ancora noi, oggi
per nostra riconoscenza diciamo
e ci sentiamo “Ponzese Discendenza”

Condividi questo articolo

1 commento per La visita a Ponza degli amici sardi. Fotoracconto & versi

Devi essere collegato per poter inserire un commento.