Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-54-42 ep-01 paolo-17 vip 36 93

Epicrisi 195. A due voci (…con Giggino)

Condividi questo articolo

di Sandro Russo

.

Le nostre Epicrisi sono un po’ a senso unico – così ho sentito dire.
Una volta a settimana uno dei redattori compone il suo pistolotto, come il prete in chiesa, lo pubblica, e chi s’è visto s’è visto.
Perciò per una volta – Esperimento! Esperimento! – provo a inserire una seconda voce.
Resta da scegliere chi…
He… Chi? – Le possibilità sono tante…

Qualche esempio?
’u punzese crapigne (scura tromba!)
’u punzese ’uallaruse
– il ponzese “illuminato” (il buonista)
– l’oppositore politico (quello che è “contro”, qualunque cosa si dica o si faccia)
– l’amministratore in carica (quello che va tutto bene, e domani andrà pure meglio!)
’u punzese frastiéro (che è di Ponza ma vive fuori)
’u frastiéro punzese (che è di fuori ma vive a Ponza)

Come si dice? Il “pluralismo delle opinioni”!
Se ne potrebbe fare una serie, di Epicrisi così..!
Non so che scegliereste voi, ma io non ho dubbi: vorrei Giggino di fronte, che legge e commenta l’epicrisi.
Ma Giggino legge? …o guarda solo le figure?
Eh già… Questo bisogna considerarlo… Allora ci dev’essere qualcuno con lui che gliela legge al bar… Sì, ecco… lui sta già ’nsaruliàte e su di giri per via di diversi caffè corretti che s’è fatto… e qualcuno gliela legge…

Dichiarazione preliminare di Giggino alla proposta:
– Essento che ’sta cazz’i Picrizzia a mme me pare ’na strunzata, sentimme che m’he ’a dice..!

Allora… È stata – a giudicare dai vari contributi -, una settimana un po’ “fuori da Ponza”, con argomenti che in parte esulano dal mondo ponzese, ma fino a un certo punto.
Si è partiti con un’immersione nel mondo di Stevenson (leggi qui e qui e qui) di cui si era già scritto la settimana scorsa a proposito dei “fari di famiglia” (leggi qui)…
– U Gesù! N’immerzione? Cu’ chistu male tiempe!? Ma i’ voglie dice ca chistu Jefferson ’nn’u canosche… Fosse d’i Fforne? Nunn’è che te stai sbaglianne cu’ Jepson?


No, no, proprio Stevenson! Ma non fa niente… Torniamo a Ponza, con il problema dell’insabbiamento di Sant’Antonio e la descrizione di un settembre isolano.
– Ah mo’ sì..! A mme ’na cammenata ogni tante,’ncopp’u summarielle, nun me dispiace, c’u cane affianco… sule c’avessena luva’ tutte chelli cazz’i barche e gummone!

Beh! La questione è un po’ più ampia… Dice Vincenzo che si tratta di scegliere un modello di sviluppo o si rischia che da Ponza scompaiano i ponzesi.
– Ah, cheste po’ no! Chille già so’ scumparze i baferielle, l’arcere… e pure i marevizze non se ne vedene chiu’ comm’e ’na vota… Mo’ pure i punzise no! E’ meglie che scumparene i punzise-frastiere! Azz! …Chillillà sì!

Ma la realtà è quella che è, caro mio: ne prova a fare una analisi Franco De Luca nel suo articolo Radiografia della comunità ponzese
– Ah, ’u fatt’i chest’, pur’ie tengo sempe ’nu dulore ’u ginocchie, che Assuntina m’ha ditte vatte a fa’ i ’nnalese e i ’llastre. Ma i’ nun tengh’ capa… Pe’ mo’ ce stongh’ mettenne ’u mautòne caude…
Beh, effettivamente…. Anche Franco ha dovuto fare una radiografia di controllo.
– Uvvi’..!?
Nisciune è perfetto!

Su un altro fronte, tutta la nostra solidarietà va agli organizzatori e agli eroici partecipanti alla tre giorni dell’evento “Alla scoperta di EEA” (leggi anche qui).
E tra le scoperte c’è anche questa: che la “cattiva stagione” non è cattiva tanto per dire, anche se stavolta la sfortuna si è proprio accanita: i tre giorni peggiori di tutto l’anno! Abbiamo avuto anche (…e non tanto rari) mesi di ottobre e novembre assolutamente meravigliosi!
Sicondo me ’u nemiche nunn’è state ’u tiempe… è stat’a uàllera! A prossima vota nun ne parlate, facite i cose sotta sotta e vedite che tiempe buone che farrà. Arricurdateve… “addò nun ce potene i scuppetate ce poteno all’uocchie”. È chiaro?

Vogliamo parlare ora della poesia; come viene fuori dai Taccuinidi Silveria Aroma…
– Sarrà..! – T’aggia dice ’a verità? Ie nun ci’aggia capite ’nu cazze. Ma cumme me diceva ’a maesta Sofia, “’a colpa è d’a capa vacanta”. Inzomma a me nun m’accunvence!
Ma come..? La poesia dà un altro sguardo sul mondo, fa immaginare che possa essere salvato dalla bellezza!
– Mah! Dich’io… comme po’ esse ’na cosa bbona chillu tetesche che se chiama Hesse Hesse?
Non è così…! E poi di tanto in tanto, nei suoi Taccuini, Silveria mette anche poeti locali! Non sapevi che ci sono anche poeti ponzesi?
– See… Poete! Shh… Chille une ce ne steve, è asciùte pure scème! L’ùrdema vota l’hanne viste che parlave cu’i ciucce, abbasci’u’Ffiene! …E ’u ciuccie l’ha pure rispuoste!


Eppure ce ne stanno, di poeti…
– Nz! ’Nn’e canosche… E ’i che parle?
Ecco, lo dice il titolo: Taccuino (8). La fede
– ’A fede!? …Nun me ne parlà! …I’ ’a mia l’aggie perza ’ndi rezze! He vede’ quante s’è ’ncazzata Assuntina! Pe’ despiette se l’e luvata pur’essa!

Poi ci sono argomenti generali, che riguardano tutti, come il modo in cui si dice addio alle cose che si sono amate…
– Pe’ primma cosa ’na bella ’rattata! Po’ parlamme…
’Uagliu’, cca già stamme arruinàte p’a dipressione..! Ce mancane sule ’sti cunt’i disgrazzie d’i disgrazziati pegg’i nuie? Pe’ favore.. screvite co’ccose ’i cchiu allère!
e che madonne!

Sarebbe proprio interessante sapere come la pensi tu su questa tendenza ad usare armi sempre più potenti per la caccia
– Ah! ’ncopp’a caccia m’aita lascia’ sta’… I’ apparecchie pure ’i cannune cu ’a matriucula abbrasa… ’A colpa è ’i’ll’aucielle. Chilli sfaccimm’ vann’ a’ scola pe’ nun se fa sparà ch’i fucile legale. ’Uagliò, ccà nisciune è fesse, manche all’aucielle! Ce vonne i cannune a ripetizione, e basta!

C’è questa scrittrice – Tea Ranno – che ha portato un po’ del mondo siciliano su Ponzaracconta
Mmah! Pe’ mme chesta cca ’nn’ha accapito niente: ’a Sicilia è n’isola abbitata da isolani, Ponza no! Ca simme tutte pisce… Sang’ ’i retunne!


E un altro ospite importante, abbiamo avuto questa settimana: Stefano Testa che ci ha raccontato di una Lettera da Palmarola… Che ne dici?
Sicondo me ’sta lettera ’a Parmarola nunn’è vera! Chell’ ’a posta nun ’a mettene i Fforne, mo’ sta a Parmarola? Addo’ ’i ’ccattene i francobolle? E ’a buca d’a posta addo’ stesse? Abbasci’add’u Francese?
Eddai su… nun ci’ammuccamme a ’sti bucìe!

Ok! Va bene, basta… Basta così…
Infine un giornalista bravo, Michele Serra, che riesce ad andare più il là delle chiacchiere e delle piccolezze che prendono grande spazio sui giornali e sui social
– Tène arraggione! E comme no? I’ ci’u diche sempe a’Ssuntina…
Siente cca… Propie all’atu iuorne, ci hanne’arrubbate ’na gallina ’ndu gallenare. Essa è sicura ch’è state Veruccie, ’u vicine nuoste, ma i’ ce’ll’aggie ditte: penza oltre, ’uarde chiù luntane…

…E allora?
– Sicondo me so’ state i mariuoline!

 

Siamo in finale: ringraziamo Giggino per la disponibilità e la cortesia.
Pe’ carità’… Sempe a esposizzione! Ma che v’aveve ditte? ’A Picrizzia è ’na strunzata!

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.