Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-34 p-03 76 aricolo premiazione-vincenzo-onorato sl372213

L’inverno è il paradiso

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Io mo’ vulesse sule assape’ chist’anno chi reste cca!
Sang’ ’i Retunne – Chi resta… in inverno, vuoi dire?

Gg – Uggesù! …e che, ’a staggion sinnò? Che me ne fott’a mme d’a staggione. S’accedessene pure!
SR – Ma perché? Sei preoccupato che resti da solo?

Gg – Ammagare!
SR – Azz! Sei dunque arrivato a questo livello di inciviltà? Sempre più isolato?

Gg – Pecché, diceme a mme… ’a civiltà ’a portene ll’amici tuoie che se vènene a sciacqua’ ’u cule a mare ’a staggione?
SR – Giggi’, innanzitutto quelli non sono amici miei… seconda cosa per venirsi “a sciacquare”, come dici tu, ti portano i soldini.

Gg – A mme nun me portene propiete niente. È chiaro?
SR – See see, vabbe’, e mo’ chi te lo fa capire come funziona la catena economica di una comunità?

Gg – Attaccatella ’nganne ’a catena.
SR – Infatti…

Gg – M’hanno ditte ca chist’anne se ne vanno a Formia ’nu muntone ’i ggente… Chiù ’i’ll’ate anne. Speriamo!
SR – Giggi’, ma tu veramente dici? Davvero vuoi che qua rimanete Lille e Lolle

Gg – E chi so’? Songh’ d’i Forne o d’u puort’?
SR – Lasciamme sta, va..!

Gg – Essì, ch’è meglie!
SR – Quindi, che la gente va via, che i bar e i ristoranti chiudono tutti, che interi quartieri restano disabitati e che la comunità si svilisce… a te non frega niente?

Gg – Allora… ’u cafè m’u faccie ie: scarzeie e me piace pur’i cchiù; ’u ristorante sarranne vint’anne che nun ce vanghe. Po’… si p’a via nun ce sta nisciune è pure meglie, accussì me pozze veste come cazze me pare… ’Uagliu’… iatevénne che stamme meglio!
SR – Incredibile a che punto di abbrutimento sociale sei arrivato!

Gg – A proposito… tu quanne te ne vaie?
SR – Ecco qua, mo’ ti do fastidio anche io. Come passerai il tempo senza di me? Dimmi la verità.

Gg – Appena Assuntina pur’essa se ne va a fa’ncule a Formia cu’ tutt’a tribù, ’a primma cosa trase ’u cane dinte. Povera bestia! È state tutt’a staggione ’ncopp’all’asteche .
SR – Ecco!

Gg – Po’ mètte ’a televisione a ped’u liette, ’ncopp’a cascia.
SR – Aeee! In collegamento giorno e notte!

Gg – E po’ riarme ’u cannone a ripetizione.
SR – Il fucile del nonno? Ma quello è fuori legge! Non ha nemmeno la matricola.

Gg – Ma tu quanne he ditte che parte e te ne vaie? Famm’u piacere… cammi’!
SR – E certamente! Quando il gatto non c’è il sorcio balla.

Gg – Po’ tengo ’a rinfurza’ ’a barracca ’ndu ciardine. Chille ’u maletiempe l’ha arruinata tutta quanta.
SR – Metti le assi di legno nuove?

Gg – Macché… accussì ogni anno sto punto e accapo! Noo… mett’i matùne ’a dinte e i tavellune ’ncielo. È meglie!
SR – Giggi’, ma fammi capire una cosa… quando torneremo ce la farete ritrovare quest’isola?

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.