Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0017-017 h-13 i-03-bis l-04 k2-30 110

Uno sguardo da Le Forna

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Stamane sono andato a Le Forna.
Perché?
Perché al Porto c’era un andirivieni esagerato. Il mare di levante e l’aria cupa di scirocco suggerivano ai turisti di abbandonare l’isola. Nessuna gita a mare, e gironzolare per le vie era l’aspettativa. Ma poi le navi dal continente hanno sbarcato alcuni gruppi di villeggianti che, non condizionati dal tempo incerto, si sparpagliavano per le strade.
E a Le Forna?
Cosa starà succedendo a Le Forna? La domanda poteva trovare una risposta immediata e perciò mi ci sono recato.

Non appena sono arrivato sulla Chiesa è parso chiaro che l’atmosfera era completamente diversa. Nessuna calca, nessuna pressa, ma soltanto il lento procedere della gente a piedi. Sporadica e tranquilla.
Le Forna manca di luoghi per la comunità, anzi, manca del luogo sociale per eccellenza, ossia di una piazza.

Più mi dirigevo verso Calacaparra e più le persone incontrate erano poche e sparute. I locali aperti, un traffico di pullmini e di auto, ma niente di più. I pochi villeggianti, di solito in coppia, procedevano come se sapessero cosa fare e dove andare.

Sono sceso giù a Cala Fonte. Tutto chiuso a causa della frana, e ne ho dedotto che questa estate debba essere stata magra per tutte quelle attività che avevano come clienti i frequentatori della cala.

Insomma una diversità di vita, di relazioni, di prospettive, eccessiva, fra il Porto e Le Forna.

E’ giudizio risaputo ma vederlo così evidente, sbattuto in faccia, fa male.
Penso che questa ferita che il corpo sociale dell’isola patisce da tanto tempo debba essere affrontata. Con strumenti politici, anzi no, amministrativi.
Non ho alcuna pretesa che portare all’evidenza il problema. Nessuna altra pretesa.

D’altra parte sono convinto che sia tempo perché si faccia una programmazione per lo sviluppo dell’isola. Procedere per soluzioni isolate e disarticolate non penso sia il modo più efficace per realizzare un piano politico.

Lo sviluppo di Le Forna, in questo programma politico, dovrà trovare un posto privilegiato. Per una questione di serietà e non di opportunismo politico. Questo lo si lasci a chi aveva già in tasca la soluzione di tutti i problemi.

Mentre percorrevo la strada ho dovuto alzare gli occhi al cielo perché attratto da un nugolo di rondini che si rincorrevano, agitate dall’imminente migrazione. Quante… e tutte euforiche e impazienti.

Il contrario di ciò in cui sono incappato sulla strada in prossimità della Chiesa. C’erano i pullmini di Schiaffini, quelli di Pilato, i camioncini con le derrate alimentari. In quel punto si crea in imbuto che si chiude, anche per la presenza di veicoli sostanti in zona di divieto.

E’ un problema serio. Riuscire a regolamentarlo darebbe ai Fornesi la certezza che il Potere Locale ha a cuore la loro condizione.
Eh già perché le rondini, così numerose e veloci, trovano tutte la loro strada, mentre in quel tratto di provinciale si impreca pesante e malvolentieri.

Condividi questo articolo

1 commento per Uno sguardo da Le Forna

  • luigiaprea

    Caro Franco,
    con il termine della stagione turistica la maggior parte delle località marine presenta aspetti più o meno analoghi.
    L’aspetto desolante di Le Forna trova la sua vera causa negli eventi del passato nonché in quelli recenti che, a mio modo di vedere, hanno inciso profondamente sulla vivibilità della sua gente.
    La lacerazione del tessuto sociale ha avuto inizio con l’esodo forzato di un migliaio di persone a causa degli scavi minerari e con le deturpanti cicatrici residue mai sanate, fino ad arrivare agli eventi dei nostri giorni, basti pensare alla soppressione dell’Ufficio Postale e alla frana di Cala Fonte con conseguente limitazione dell’afflusso turistico a Calacaparra.
    Questi sono tutti elementi che hanno portato all’abbandono del territorio isolano, tuttora in atto.
    Certo la costruzione di una piazza (e sono anni che se ne parla) potrebbe essere il cuore pulsante della comunità, ma da sola non basterebbe. Dopo anni d’incuria, se non s’interviene con opportuni provvedimenti, Le Forna potrà considerarsi alla pari di un ammalato terminale!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.