- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Fotoracconto di un sabato in festa

di Rita Bosso; foto di Alessandro Tagliamonte [1]

.

Abbascio Mamozio, Au Bord De L’Eau, Carpe Diem, Blue Moon, prossimamente largo Luigi Verneau: chiamatelo come vi pare ma luogo migliore non c’è, per una festa di compleanno

[2]
Bella gente, buffet ricco, vini di qualità, vista mozzafiato: serve altro?

[3]
Babbà Calafelci di Assia Scuotto: sontuoso, merita almeno due b e un  secondo posto

[4]
Ciambellone Piana Bianca (ma anche un poco nera)

[5]
A ottobre, Tutti alla scoperta di Eea: programma ricchissimo illustrato da prof. Angelida, appuntamento da non mancare

[6]
Emilio Iodice, autore di uno deI Racconti del Porto: “A casa mia, in America, quando si parlava di Ponza … era come quando un prete parla del Vaticano”

[7]
Giuria d’eccellenza presieduta dalla preside Anna Maria Masci. In primo piano, la bicampionessa mondiale di creazioni artistiche con pasta di pane

[8]
Il best seller. Lo trovate all’edicola e in libreria a 4 euro, oppure mandate un messaggio a Calafelci. Insomma: accattatavillo!

[9]

La giuria all’opera: piattini, penna, griglie di valutazione,  punteggi. Deve essere bello lavorare all’Istituto Alberghiero Filosi di Terracina: fanno sempe chest’

[10]L’attesa

[11]

Alessandro Amalfitano, il più giovane dei raccontatori del Porto. È appena arrivato da Napoli, ripartirà all’alba ma non poteva non esserci

[12]Blue Moon? Tra qualche ora, forse; adesso il sole picchia

[13]
Le Formiche di Maria Luisa Spignesi, a base di fichidindia, salgono sul podio dei vincitori

[14]
Mettiamoci comodi e affrontiamo la lettura de I Racconti del Porto. Papà, piano col carrozzino su questi basoli. Nonna, non fermarti in continuazione a chiacchierare. Lettori si nasce e io, modestamente, lo nacqui

[15]
Monia, la regina dello Stracquo. Un evento che ha portato 4500 visitatori nei Cameroni. Ne hanno scritto i giornali di tutto il mondo. Non ci credete? Provate ad aprire un qualunque motore di ricerca e digitate la parola “Stracquo”

[16]

…and the winner is… la torta Pizzopapero, in onore dello scoglio dal quale tutti ci siamo tuffati: chi dalla base, chi dalla cima, chi a cufaniello, chi a volo d’angelo

[17]Le Turtanelle Spaccapurpo

[18]
Torta Punta del Fieno

[19]

Torta Chiana di Pacchiarotto; mica vorrete chiamarla “Caprese”?

[20]

Babà Chiaia di Luna: pericolo di crollo

[21]Andar per porti 1: Antonella racconta Procida

[22]

Andar per porti 2: Lerici nei ricordi di Polina; Gennaro Di Fazio ascolta

[23]

“Il rapporto col porto? Purtroppo non esiste più”: l’architetto Massari è drastico

[24]
Casatiello? Presente: questo è intitolato alla Muntagnella

[25]
La roccia di Monte Guardia

[26]Grazie a Il Messaggero [27]

[28]Grazie a Paolo Iannuccelli [29]

[30]Grazie alla Direttora Luisa Guarino [31]

[32]

[33]

Dalla pagina Facebook di Alessandro Amalfitano