Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0035-035 v4-14a ernesto-15 84 86 giovanni-darco-1973

’A ’uerra d’i feghetìne

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Accà oramai s’è perz’ ogni scuorne. Nun ce sta chiù limite a’ mariulizia.
Sang’ ’i Retunne – Qua inteso in Italia?

Gg – No, ma qua’ Italia? Cca nun stamm’ mica in Italia!
SR – Ah ecco! Non me n’ero accorto!

Gg – E tu si ’ndrunato d’a nascita… ’i che te ne vuo’ accorge? D’i patane?
SR – Se, vabbè… E la vergogna, a cosa si riferisce?

Gg – Ué… nunn’accummenciamme a da’ colpe a mme: ie ’sta cicogna nun l’aggie né vista né sparata. È chiaro? ’U fucile mie sta smuntate addo mamma mia!
SR – Giggi’… Vergogna, no cicogna! La vergogna è ’u scuorno. La cicogna non c’entra.

Gg – E allora parle bbuone che cca fanne ambresse a stampa’ i giurnale, l’amice tuoi rosso-verdi.
SR – Lasciamo stare. E allora cosa ti accade?

Gg – M’è arrivate ’na bullett’i ll’acqua ’i duimileccincuciente evere (…2.500 €!).
SR – Alla faccia, che batosta!

Gg – E allora… aggie arraziunate all’acqua.
SR – Tipo siccità africana.

Gg – Doccia ’na volta ’u mese! …’u mare che ce sta a fa’? tenimme ’sta fertune!
SR – Caspita… perciò fiét’a canimma!

Gg – I panne si lavano a mmane…. e cu’ all’acqua ’i sapone d’i panne sciacquate se lave pe’ terra, e po’se votta ’ndu cesse… ’nu iuorne sì e uno no.
SR – Azz! Un riciclaggio severo!?

Gg – Nunn’o saccie!
SR – Cosa?

Gg – Si ce steve Silverie.
SR – Vabbuò! E poi?

Gg – Assuntina sta cumm’e ’na pazza, ch’ha fernute ’i sciacquaria’ d’a matina a’ sera.
SR – Ma scusa, a parte la feroce economia idrica a cui ti sei sottoposto, hai capito il perché di quella bolletta?

Gg – Sì sì, ’a colpa è d’i palett’i feghetìne. Mo’ aggia ricupera’ tutte cose.
SR – Daii! E cosa c’entrano i fichidindia con la bolletta?

Gg – Azz, no? Io l’aggie addacquate a schiatta’?
SR – Mo’ ti sei messo a fare il produttore di fichidindia?

Gg – No no, a mme nun me piacene e m’attàppene pure. Figurate che me ne fotte d’i feghetìne.
SR – E allora perché le hai innaffiate?

Gg – Veruccielle a fianc’a me m’ha fatte luva’ ’u mure pecchè nun vedeve chiù ’u panurame ’i chi l’e muorto…
SR – E allora? Se era un muro abusivo mi sembra giusto. Ma comunque non vedo il nesso.

Gg – E allora io ’u mure mo’ l’aggie fatte ’i palette ’i feghetìne. ’Na muntagna àuta tante… ’na muntagna verde. E mo’ va’ a recorre… va va!
SR – Incredibile a che si arriva pur di fare dispetto.

Gg – ’Uagliò, ccà nisciune è fesse: ’a uerra è ’uerra! Chest’è!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.