Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0023-023 s0-30 l-12 o-02 casa-di-vincenzo-darco Il crostaceo alieno: Percnon gibbesi

Il Premio Ponziano Benemerito 2018

Condividi questo articolo

di Paolo Iannuccelli

.

Serata da ricordare a Ponza per l’assegnazione e la consegna del prestigioso Premio Ponziano Benemerito giunto quest’anno alla sua settima edizione. Sul palco allestito nell’affollato piazzale di Giancos sono stati premiati il poeta dialettale Carmine Pagano – rappresentato dal cognato Silverio Francavilla, lo scrittore Antonio Perucatti, il pescatore di corallo Aniello Romano, il poeta dialettale Alfredo Scotti, il pescatore Salvatore Mazzella, alla memoria.
Uno splendido filmato con toccante intervista è stato proiettato ed apprezzato dai tanti presenti sulla vita in mare di Salvatore.

Menzione d’onore per Luisa Musco, pioniera del turismo a Ponza. Le poesie di Scotti sono state recitate dall’attore ponzese Francesco Cordella.
“Quel criminale di mio padre” è il titolo del libro scritto dal figlio Antonio ricordando il papà Eugenio Perucatti che ha diretto per otto anni il carcere di Santo Stefano, migliorando le qualità della vita dei detenuti e le condizioni carcerarie, risultando un grande innovatore nel settore, un esempio preso poi in considerazione da altri suoi colleghi nel mondo.

Dopo un anno di sosta, il Premio Ponziano Benemerito, ideato da Franco Schiano, ha colto nel segno in maniera forte ed incisiva, volto a riconoscere e premiare quei ponzesi e ventotenesi, nativi e non, che hanno profondamente amato le isole e la loro gente.

Presente Gennaro Di Fazio, presidente della Comunità di Arcipelago che, nel suo applaudito intervento, ha auspicato un sempre maggiore dialogo tra Ponza e Ventotene nel nome della cultura profonda che le unisce da sempre.

L’ambito premio – organizzato dalla dinamica Associazione Cala Felci presieduta da Massimo Casalino, con segretaria Monia Sciarra – viene conferito a persone che, con lo stesso spirito di sacrificio dei primi Coloni Borbonici delle isole Ponziane, con il lavoro svolto con passione infinita hanno contribuito a migliorarne la qualità della vita.

La manifestazione si è svolta in concomitanza con “Ponza in tavola”, domenica 19 agosto

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.