Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-04_0 u-03 vb s1-23 b-01 108

Il PAI… Ahi… ahi… ahi

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Il Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) è lo strumento normativo attraverso cui ogni Comune regola gli insediamenti urbani, le zone a rischio, quelle vincolate, giacché fotografa e monitora e controlla il territorio comunale.

E’ un documento di importanza primaria che ogni Comune deve rispettare insieme ad un sistema di principi regolatori che la Regione di competenza stabilisce.

Compete dunque alla Regione Lazio e al Comune di Ponza.

Il PAI che riguarda Ponza è per noi ponzesi mortificante perché assoggetta la stragrande parte del territorio a vincoli e ad impedimenti. Perché? Perché la ragione cui è stato ispirato è la salvaguardia della salute dei cittadini. Una ragione lodevole ma, se tale salvaguardia impedisce ai cittadini una vita degna sull’isola, lo strumento giuridico diventa strumento di tortura.

C’è un modo per contemperare le esigenze degli isolani a vivere sull’isola in maniera adeguata senza mettere a rischio la propria salute? Questo è l’interrogativo cui occorre trovare una risposta da parte dei tecnici della Regione Lazio insieme ai tecnici del Comune di Ponza. Ed è questa la decisione che ieri 10 agosto doveva prendere il Consiglio Comunale.

Il PAI che regola il Comune di Ponza deprime le aspirazioni degli isolani. Esso fu partorito da una Regione Lazio impaurita e fu avallato da un Consiglio comunale ponzese ignorante e distratto.

Paura e ignoranza di cui stiamo pagando dal 2010 ad oggi le pene noi Ponzesi sia per quanto riguarda la residenza stabile sia per lo sviluppo dell’isola. Le cale sono chiuse, la balneazione resa difficile, le strade interrotte, le case sono a rischio.

L’intenzione non è quella di opporsi al PAI bensì quella di rivederlo, sulla base delle richieste della popolazione che rischia di morire soffocata da eccessiva tutela.
Ragionamenti avveduti, argomenti comuni, senso pratico, volontà di accordarsi per il bene comune. Questo l’intento dell’attuale Amministrazione da presentare alla Regione Lazio, giacché, come ho detto sopra, essa a suo tempo legiferò sotto la spinta della paura e non del buon senso. Lo dimostrano le norme che vigono nelle regioni Campania, Trentino- Alto Adige, Lombardia. Lì, in quelle regioni, a parità di condizioni ambientali , non si avverte lo stesso estremo disagio di cui patiamo a Ponza.

Si tratta di sedersi ad un tavolo e presentare in modo onesto le ragioni della vivibilità sull’isola e le ragioni della tutela delle persone e del territorio.

Questa Amministrazione può anelare a risultati positivi. Lo può perché ha nell’atto costitutivo l’onestà che le precedenti amministrazioni non avevano.
Il Consiglio Comunale del 10 agosto ha dimostrato ancora una volta che l’arroganza, il malaffare, il disprezzo dei Ponzesi, sono ancora presenti in taluni insensibili del tutto al bene comune.

Condividi questo articolo

2 commenti per Il PAI… Ahi… ahi… ahi

  • Sandro Russo

    Rilevo un “buco logico” nelle notizie che in tre diversi articoli avete dato sul PAI e su quel che è avvenuto nell’ultimo Consiglio Comunale.
    Qual è la posizione di Vigorelli? La sua motivazione al voto contrario?
    Non può – per ovvie ragioni – essere favorevole al PAI così com’è! Sarà più verosimilmente contrario al modo che ha questa Amministrazione di affrontare il problema; ma non ho trovato negli articoli comparsi sul sito – e neanche nella sua pagina Facebook – una sua controproposta “in positivo”, a parte la goliardata delle magliette…

    Mi chiarite questo dubbio che ho da lettore, ancor prima che da redattore del sito?

  • Francesco De Luca

    Sandro, mi chiami in causa e ti rispondo senza remore perché ero presente al Consiglio. Succintamente. E’ accaduto che dai Consiglieri di minoranza è stata lamentata pregiudizialmente la non conoscenza della relazione con la quale il Sindaco perora presso la Regione Lazio la costituzione di un tavolo tecnico per rivedere il PAI.
    Presa conoscenza della relazione del Sindaco, la minoranza con la voce di Vigorelli ha dato inizio ad una analisi storica del PAI. Fra l’altro ha giudicato la proposta di porre in atto una vertenza PAI con la Regione, fuori tempo, fuori luogo, infruttuosa.
    All’atto della votazione il consigliere Vigorelli non ha partecipato giacché aveva abbandonato il suo posto in preda alla collera. Gli altri consiglieri di minoranza non hanno motivato la loro opposizione.
    Potrei dilungarmi sul perché il consigliere Vigorelli si sia allontanato dal suo posto ma non considero degne di attenzione le sparate teatrali. Chi le manifesta gode. Chi le subisce è a disagio.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.