Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_14-01-48 i-01 isi-01 v2-21 v3-10a 93

L’isola che non c’è… in inverno

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Ie, mo’ vuless’ assape’ pecché s’arricordane ’i nuie sule ’a staggione. Diceme a me!! Pecché?
Sang’ ’i Retunne – E che domande fai? D’estate si fanno i bagni.

Gg – Razze ’i ’nzevuse e zuzzuse che nun so’ ate. Tuttu quante. D’u primm’ all’urdeme.
SR – Scusa e perché zozzosi? Che male hanno fatto?

Gg – Dimme tu… une che nun se lave pe n’anno sane sane e aspetta ’a staggione pe’ se fa ’nu bagne, seconto te è pulito? Ma va va!
SR – Ho capito, oggi sei in vena di sparare cazzate e di fare polemiche. È meglio lasciarti perdere!

Gg – Dico io, l’isola ’i vierne scumpare? Tu rispunn’a me: ’stu cazz’i scoglie ’i vierne scumpare sì o no?
SR – D’inverno non scompare fisicamente, ma fa meno notizia, diciamo che interessa di meno.

Gg – E allora, tice il proverbio: “Addo’ he fatte vierne faie pure ’state”. È chiaro?
SR – Giggi’, il proverbio è al contrario, non puoi girarlo a modo tuo.

Gg – E chi t’u ddice che è giusto come tici tu? I cumpagnuccie tuoie ’i “bellacciàh” e d’a “rosso-verde primmavera”?
SR – Giggi’, siccome ti conosco troppo bene, senza fare giri di parole dimmi chiaramente questa mattina con chi ce l’hai e così finisce ’sta tarantella.

Gg – Ci’allaggie cu’ i politichi amicie tuoie che s’arricordane che esistimme sule quanne ce stanne ’i vutazzione e a’ staggione. Vabbuo’?
SR – Effettivamente un po’ di ragione ce l’hai. Ma non tutte le colpe sono le loro. Un altro proverbio dice pure: “Aiutati che Dio ti aiuta”.

Gg – See see… ccà pure ’u Pataterno s’è scurdate ’i nuie.
SR – Ma dai, non dire sciocchezze. State sempre a lamentarvi e poi siete i primi a non alzare un dito per voi stessi.

Gg – Ma quanne maie. Ie a San Silverie ci’aggie accattate quarantaquatte garuofene russe…. e che è succiesso? Niente!
SR – Tipo mercato dei cammelli: “Io dare soldi a te e tu dare cammello a me”?

Gg – Savine tene raggione: t’anna spezzà i coscie a te e a tutt’i stracummunitari cu’ i cammell’ ’i chitemmuorte. È chiaro?
SR – Allora, senza che t’incazzi tanto, una volta per tutte, che soluzione proponi affinché non si dimentichino degli isolani in inverno?

Gg
– Io già te l’aggie ditte, ma si tu che si’sceme e tiene sempe ’a capa ’nda Russia!
SR – E tu ripetimelo. He tene’ pacienza con gli ignoranti acculturati cumm’e me.

Gg – Allora, la quistione s’arrisolve accussì: “Cumm’ he fatte vierne faie pure ’a state”.
SR – Un’altra volta con questa storia? Ma che vuoi dire? Spiegami.

Gg – Voglio tire che se l’isola nun esiste ’u vierne non esistarrà nemmeno ’a staggione. E’ chiaro?
SR – E che vorresti fare? Chiuderla?

Gg – No no peggio.
SR – Peggio? Cosa esattamente?

Gg – Allora, ’a staggione i stessi mezzi d’a vernate; ’i stesse ciesterne d’a vernate; i stessi puteche d’a vernate; i stess’ alberghe d’a vernate e…
SR – E…?

Gg – I stesse abbitanti d’a vernate. Chi è dint’ è dinte e chi è for’ è fore…. e ’u probbleme s’arrisolve primm’i mo’! Chest’ è!

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.