Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

mm-01 madonna-03 107 tiro-della-barca-in-secco sl372210 Immagini storiche di Ponza

Turisti, retunne e sangu’i retunne

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i  Retunne

.

Giggino – ’A staggione è ’na cosa ’mpossibile. ’A ggente iesce pazze. È ’na cosa ’mpossibile. Sciò sciò arrassesi’! Vott’a veni’ Natale.
Sang’ ’i  Retunne – A ecco, questo succederebbe solo d’estate?

Gg – Essì! …’i vierne ’a gente arraggiona, pecché tenene ’a cche fa.
SR – Interessante! Non hanno da fare in estate ma in inverno. Questa me la devi spiegare!

Gg – Ie t’a spieghe, ma tu nun accapisce…, che t’a spieghe a ffa?
SR – E tu provaci, a spiegarmela, farò del mio meglio per capire.

Gg – Allora… A staggione ’a gente nun ce sta c’a capa e pirciò se distrae. Quande te vede p’a via manche t’accanosce. A’ vernata invece, sta calma e pirciò arraggiona e se ’mpegna… e perciò t’accanosce. Ti tice pure ciàh! e te da’ a parla’… E’ semplice no?
SR – Ho capito. Quindi in estate è come se fossero tutti paralizzati ed ipnotizzati dai turisti?

Gg – Noo, ma qua’ turiste? Sai quante ce ne fotte d’i turiste?
SR – E scusa da cosa sono ipnotizzati?

Gg – So’ rincoglionizzati da i sordi d’i turisti. I turisti hanna sule sbarca’, scarica’ ’u portafoglie, e riparti’. Chest’è!
SR – È una cosa automatica?

Gg – Semiautomatica. Comm’e ’nu fucile.
SR – Perfetto. E in cambio cosa gli diamo?

Gg – Allora… Si tenene genie, se vann’a fa ’nu bagno addo’ vonn’ alloro.
SR – A ecco. Nemmeno è certo dove se lo fanno questo bagno che offriamo?

Gg – Sarranne pure cazz’ ’a’lloro. S’u fanne o nun su fanne, ’stu cazz’i bagne? Basta che pagano, a nuie che ce ne fotte?
SR – Giggi’, ma tu questa cosa la dici per raccontare o ne sei convinto?

Gg – ’Uagliò, arricuordete: io tico sempe ’a verità. È chiaro?
SR – Ah, bene! Allora di questo passo siamo rovinati.

Gg – E pecché? Dimme tu?
SR – Ma come perché? Qua si offre solo il mare e nemmeno è sicuro che glielo diamo. Di che futuro parliamo? Qua fra un po’ non verrà più nessuno.

Gg – Ma famm’u piacere, cammi’… cu’ ’sta storia..! Tu, assieme cu’ i rosso-verdi amice tuoie, sai fa’ sule l’avvucato d’i ccause perze. Nunn’è propie comme dice tu. Songh’ cinquant’anni che dicene che ccà nunn vene chiù nisciune. Nunn’è comme dice tu.
SR – A no? E spiegami il perché.

Gg – Allora… quando all’isola era tutta libbera arrivava a metà d’a gente. Mo’ che sta tutta vietata, è tutta ’saurita. Acchiudere, acchiudere… questo è il futuro.. Acchiudere tutto!
Chiuttosto… vatt’a fa ’nu bagne a Chialiune, che puzze comm’e ’nu mafrone!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.