Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-15 u-22-restaurata u-37 a-05 109 hp0047

Un saggio di Emilio Iodice su Mussolini

Condividi questo articolo

riceviamo da Emilio e volentieri pubblichiamo

.

The Journal of Values Based Leadership has just published this article I prepared on Benito Mussolini which will also appear in the second edition of my book, “When Courage Was the Essence of Leadership,  Lessons from History.”

Il Giornale della Leadership basata sui valori – Journal of Values Based Leadership – ha appena pubblicato questo articolo che ho preparato su Benito Mussolini, che comparirà anche nella seconda edizione del mio libro: “When Courage Was the Essence of Leadership,  Lessons from History.” – Quando il coraggio è stato l’essenza della leadership, lezioni dalla Storia.

I wrote about the Italian dictator because I believe we are facing an assault on our democratic institutions similar to the conditions that led to Mussolini’s rise to power. 

Ho scritto del dittatore italiano perché credo che stiamo affrontando un assalto alle nostre istituzioni democratiche simile alle condizioni che portarono all’ascesa al potere di Mussolini.

We need to fight to prevent our freedoms from being lost to totalitarianism. If not us, who? If not now, when?
Emilio

Dobbiamo combattere per prevenire che le nostre libertà siano sottomesse dal totalitarismo.
Se non noi, chi?
Se non ora, quando?
Emilio

“All tyranny needs to gain a foothold is for people of good conscience to remain silent.” Thomas Jefferson
“Quello di cui ha bisogno la tirannia per prendere piede è che le persone di buon animo rimangano in silenzio” – Thomas Jefferson 

“The time is always right to do what is right.” Martin Luther King Jr.
È sempre il momento giusto per fare quello che è giusto – Martin Luther King Jr.

 

In Allegato il file .pdf del saggio di Emilio Iodice:
Lessons from History_ The Startling Rise to Power of Benito Mussolini (4)

Note della Redazione

– Una presentazione abbastanza comprensiva dei libri di Emilio Iodice si trova, tra altri articoli, anche su questo (a cura della Redazione);

The Journal of Values-Based Leadership (JVBL) is an international journal, published by Valparaiso University’s College of Business. JVBL strives to publish articles that are intellectually rigorous yet of practical use to leaders, teachers, and entrepreneurs and focuses on converging the practical, theoretical, and applicable ideas and experiences of scholars and practitioners.
For information about JVBL, please visit: https://scholar.valpo.edu/jvbl/

Il Giornale della Leadership basata sui valori – The Journal of Values-Based Leadership (JVBL) – è un giornale internazionale pubblicato dalla Valparaiso University’s College of Business. JVBL si impegna a pubblicare articoli di rigore intellettuale e  che siano anche di uso pratico per dirigenti, insegnanti e imprenditori che focalizzino le  convergenze di idee pratiche, teoriche e pertinenti e le esperienze di allievi e professionisti.

 

Appendice del 20 agosto 2018

In sintonia con il saggio di Emilio Iodiceche il sito sta pubblicando a puntate nella traduzione di Silverio Lamonica, pensiamo di fare cosa gradita ai nostri lettori riportando una testimonianza di Andrea Camilleri, tra i più amati scrittori italiani, comparsa su la Repubblica di ieri, 20 agosto, estratta da un suo libro recente.

Sono sette pagine circa – in file .pdfnell’articolo di base, insieme alla copertina del libro “Ora dimmi di te. Lettera a Matilda”– che includono anche la sintesi di cinque film (curata da Emiliano Morreale) emblematici del tempo e del regime fascista.

Il calcio ai balilla firmato Camilleri
racconto di Andrea Camilleri

L’infanzia fascista, le leggi razziali e l’amico ebreo cacciato da scuola. Così il papà di Montalbano racconta alla pronipote in un nuovo libro (e qui in anteprima) come diventò comunista sotto il Duce. Grazie anche a un vero colpo, sì: ma nei “cabbasisi”.

File .pfd del racconto di Camilleri: Il calcio ai balilla firmato Camilleri

 

Condividi questo articolo

2 commenti per Un saggio di Emilio Iodice su Mussolini

  • Sandro Russo

    Come Redazione siamo lieti di annunciare che Silverio Lamonica ha accettato di tradurre almeno i due snodi fondamentali del lungo saggio di Emilio Iodice (il .pdf in inglese è di 33 pagine); in particolare l’ultimo paragrafo dell’excursus su Mussolini: Conclusions: a betrayal of truth – “Conclusioni: il tradimento della fiducia”, e le sue considerazioni finali su The fascination with dictatorial leadership; it can’t happen here? – “Il fascino dei regimi dittatoriali. Non potrebbe accadere anche qui?” (parla dell’America, ma il paragone con noi è lampante!)

    Personalmente vorrei congratularmi con Emilio – che neppure dai suoi più feroci detrattori può essere definito un ‘bolscevico’ – per aver dato voce e sostanza ad una paura che serpeggia ormai anche tra i “benpensanti”, di una deriva fascista della nostra società.

    Sottolineo in particolare le affermazioni riportate nel suo articolo:
    Dobbiamo combattere per prevenire che le nostre libertà siano sottomesse dal totalitarismo.
    Se non noi, chi?
    Se non ora, quando?

    E le due citazioni:
    “Quello di cui ha bisogno la tirannia per prendere piede è che le persone di buon animo rimangano in silenzio” – Thomas Jefferson
    “È sempre il momento giusto per fare quello che è giusto” – Martin Luther King Jr.

  • La Redazione

    In sintonia con il saggio di Emilio Iodice che il sito sta pubblicando a puntate nella traduzione di Silverio Lamonica, pensiamo di fare cosa gradita ai nostri lettori riportando una testimonianza di Andrea Camilleri, tra i più amati scrittori italiani, comparsa su la Repubblica di ieri, 20 agosto, estratta da un suo libro recente.
    Sono sette pagine circa – in file .pdf nell’articolo di base, insieme alla copertina del libro “Ora dimmi di te. Lettera a Matilda” – che includono anche la sintesi di cinque film (curata da Emiliano Morreale) emblematici del tempo e del regime fascista.

    Il calcio ai balilla firmato Camilleri
    racconto di Andrea Camilleri

    L’infanzia fascista, le leggi razziali e l’amico ebreo cacciato da scuola. Così il papà di Montalbano racconta alla pronipote in un nuovo libro (e qui in anteprima) come diventò comunista sotto il Duce. Grazie anche a un vero colpo, sì: ma nei “cabbasisi”

    Aggiornamento del 21 agosto
    Il racconto di Camilleri è presentato anche come articolo autonomo in data 21 agosto (NdR)

Devi essere collegato per poter inserire un commento.