Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

capone-silverio-01 scotti-e-bis costa pescatori-1 sl372237 Astroides calycularis

Asino chi legge

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Nun ce sta nient’a fa’, ’ncopp’a ’stu scoglie ’a gnurantità sta facento granti progressi.
Sang’ ’i Retunne – Detto da te è tutto un romanzo!

Gg – E pecché, che vulisss’ dicere? Che io songh’ ’gnorante?
SR – Diciamo che sei intelligente, ma ti applichi poco.

Gg – Ah sì? Comm’a’ scola? E da che cosa lo tretuci questa cosa qui?
SR – La deduco innanzitutto da come ti esprimi in italiano. Mo’ perché so’ io, ti capisco, ma a un forestiero ci vorrebbe un interprete.

Gg – A mme d’i frastiere nun me ne fotte ’nu cazz’, è chiaro? Ma pecché… quann’ i’ vangh’ a Roma me parlene punzese?
SR – Giggi’… non è esattamente la stessa cosa. Uno si deve far capire dagli ospiti.

Gg – E sarranne ospiti tuoie, pe’ mme se ne ponne pure i’ a fa’ncul’i case alloro. E’ chiaro?
SR – Poi mi domandi perché sei ignorante? Vedi? La mancanza di gentilezza e la scarsa accoglienza sono i segni tipici di un’ignoranza dannosa.

Gg – Dannosa a chi?
SR – E dai..! Dannosa al turismo e quindi all’economia isolana.

Gg – E a me che me ne fotte? Sarranne cazze d’i tuoie e ’i l’amici tuoi russe e vèrde.
SR – Alla base di gran parte dei nostri problemi ci sta proprio questa filosofia dell’“a me che me ne fotte”. Così non progrediremo mai e prima o poi ci cacceranno via tutti.

Gg – A me, pe’ me caccià, m’hanna piglia’ man’ e pied’… e pure tanne, mengh’a mmorze!
SR – Giggi’, dimmi la verità… A fare le strisce e le scritte sulle banchine sei stato tu?

Gg – Azz! E come lo puoi tire?
SR – Conosco la tua calligrafia. E inoltre… non ne hai azzeccata una!

Gg – Pe’ chelle che m’hann’ pacato, che vulive? …che screvev’ ’a Tivina Cummeddia?
SR – Giggi’, cca a gente sta ancora rerenne. Ma dai!

Gg – E che, è colpa mia si ’a ggente nunn accapisce? È ’gnorante ’i comprendimento.
SR – Quindi vorresti farmi intendere che la colpa non è di chi non sa scrivere correttamente, ma di chi non capisce ciò che c’è scritto?

Gg – E certamente! ’A verità è che cca tutt’ hanno accapito chelle ca ce steve scritte, sule i ciuccie no. Pirciò: ciuccie chi nun sape legge. Chest’è!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.