Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

im-13 101 20 6 68b corrida7

Ventotene, valorizzazione degli ipogei

Condividi questo articolo

riceviamo in Redazione e pubblichiamo, oltre che per la notizia in sé, con un costante richiamo a quanto ci può interessare per Ponza

.

GLI IPOGEI DI VENTOTENE
Progetto di valorizzazione degli ipogei dell’isola di Ventotene

A Ventotene, in piazza Castello. Dal 15 luglio 2018

La piccola isola di Ventotene nasconde un grande patrimonio sotterraneo; il suo sottosuolo ha infatti, nel corso dei secoli, rappresentato una potenzialità unica ed ineguagliabile per risolvere le necessità legate alle risorse idriche, alla disponibilità di materiale da costruzione e alla difficoltà di collegamento tra i diversi approdi.

Vengono qui presentati i risultati delle indagini speleologiche e speleo-subacquee iniziate nel 2012 in collaborazione con il Comune di Ventotene, l’Area marina protetta e Riserva naturale statale Isole di Ventotene e Santo Stefano e dal Museo archeologico.

Le prime ricognizioni furono effettuate sul sistema di collegamento fra le due cisterne romane dei Carcerati e di Villa Stefania. Poi furono ispezionate le tre cisterne di piazza Castello, di Santa Candida e dei sotterranei del Museo, contestualmente alle cisterne del carcere di Santo Stefano. Via via che le ricognizioni procedevano, ci si rese conto della complessità della rete ipogea. Un esempio tra tutti il sistema di collegamento tra Parata Grande, Cala Bosco e Cala Rossano, realizzato attraverso la costruzione di due passaggi, scavati nel sottosuolo, per permettere il passaggio di merci e persone.

Grazie alla collaborazione degli abitanti siamo riusciti a raccogliere testimonianze, aneddoti, informazioni che ci hanno permesso di individuare altre strutture sotterranee utilizzate per scendere a mare, custodire gli animali, produrre e conservare il vino ed estrarre materiali da costruzione. Un quadro interessante e vario che sarà oggetto di ulteriori indagini. In questa mostra vengono presentate alcune tipologie, in particolare:

conservare l’acqua / la cisterna della chiesa di Santa Candida
collegare gli approdi / le gallerie di Parata Grande e di Cala Bosco
produrre materiale da costruzione / la cava di tufo “Coraggio”
e gli ipogei.

La mostra sarà inaugurata nell’ambito dell’evento, coordinato dal Comune di Ventotene e dal Museo archeologico, che vedrà l’intervento del direttore del museo, il dottor Alessandro De Bonis il 15 sera, che parlerà della Viabilità nel mondo antico con particolare riguardo al basso Lazio e dall’intervento sulla figura di Giulia, del professor Lorenzo Braccesi, il giorno successivo nell’omonima villa a Punta Eolo.

Comune di Ventotene / piazza Castello 1 – 04020 Ventotene (LT)
 telefono 0771.85014 / fax 0771.85265 / e-mail staffdelsindaco@comune.ventotene.lt.it

Associazione culturale TodiSotterranea / Maurizio Todini VICE PRESIDENTE – 
6, via Santa Prassede. 06059 Todi (PG). mobile 331.7449868 . e-mail maurizio todini subnoir@hotmail.it

File .pdf del Comunicato Stampa: Ventotene ComunicStampa

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.