Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-18 cortese m h-23 62 L'approdo romano presso Cala Inferno

Educazione civica

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – ’Uardallà, ’uardallà… ’uardaccaaa… e che bell’arrobbe! I paesani tuoi “venene a purta’ a civiltà e po’ iettene i carte ’nderra”. Guarda ccà! …I’ che schifo!
Sang’ ’i Retunne – Quali paesani miei? Io nemmeno li conosco.

Gg – Uggesù, chilli là so’ frastieri, sì o no?
SR – Sì, e allora?

Gg – E allora e allora… so’ paesani tuoi: tu si’ punzese frastiere.
SR – E dalle! Io sono ponzese e basta! Lo vuoi capire si o no? Punzese si’ tu e punzese so’ pur’io!

Gg – Si’ punzese, ma iett’ i carte ’nderra comme chillillà! È vero o no? Dimme ’a verità!
SR – Perché tu le carte dove le metti, quando non ci sono né secchi né cestini? Dimmi!

Gg – ’Uagliò, pe’ tua norma e rècola io i ccarte m’i schiaff’ ’nda sacca, sempe. E’ chiaro?
SR – Hai capito che bella lezione di civiltà che mi stai dando questa mattina.

Gg – E che ti cretevi… che veramente vuie frastieri punzise ci avete portato la civilizzazione? Nuie cca ve facimme ’u mazze tante, a civiltà. È chiaro?
SR – Sei proprio convinto di questo?

Gg – Cunvinte ’i che? D’u mazze tante o d’a civilizzazione?
SR – Lasciamm’a sta!

Gg – ’A quistione cca è semp’a stessa: “vuie frastiere punzise ve tenite ’a ’mparà a campa’”.  Chest’è!
SR – Noi!

Gg – Vuie, sì.
SR – E voi invece?

Gg – Nuie simm’ i patrun’i casa e facimme i patrune ’i casa. È chiaro o no?
SR – Come dire che fate i cazzi vostri solo voi e gli altri devono stare a guardare come ve li fate. E devono stare pure in silenzio. È così?

Gg – Propietamente esatte! Ci’è mise tiempe… ma veto che ’a lezziona mo’ l’he ’mparata!
SR – Quindi il fatto che ti metti le carte in tasca e poi butti i comodini vecchi abbasci’u mare fa parte della stessa lezione di civiltà?

Gg – E pecché? Secondo te se po’ ffà ’u cuntrarie? Uvvi’ che lo stutio laureatico t’ha scemunute? Tu te mettisse i cummudine ’nda sacca e vuttass’i carte abbasci’u mare? …Diceme a mme!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.