Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0010-010 0025-025 k1-15a o-01 113 Il tunnel "romano" di Chiaia di Luna con le pareti ad "opus reticutatum"

“Isole d’inverno”, libro fotografico e video di Federica Di Giovanni

Condividi questo articolo

proposto dalla Redazione

.

L’anno scorso, in ottobre, scrivemmo su questo sito (leggi qui) dell’esposizione a Marsiglia delle foto scattate d’inverno da Federica Di Giovanni in giro tra le isole minori, da Salina a Linosa, da Pantelleria a Stromboli, da Lampedusa all’isola del Giglio…

Quel portfolio è oggi diventato un libro, Isole d’inverno, che si avvale della preziosa introduzione di Erri De Luca.
Il libro è un viaggio fotografico che racconta la realtà delle isole minori in una stagione che le spoglia della confusione estiva per restituirle alla quotidianità dei piccoli gesti.
Ma per parlarne non c’è di meglio che riportare le parole che usa Federica per presentarlo.

“Mi sono sempre chiesta cosa ci facesse, nella casa di mia nonna, quel grande puzzle attaccato al muro in mezzo alle foto dei matrimoni e alle immagini dei santi. Per diversi anni, durante i lunghi inverni dell’isola di Ponza, mio nonno, insieme ai sette figli, aggiungevano pezzi a questo puzzle.

Una volta finito, tutti insieme lo disfacevano e ricominciavano da capo.
“Era un modo per passare la vernata”, mi ha detto una volta mio padre.
Quest’ immagine ha rafforzato in me il senso di appartenenza ai quei “pezzi familiari”. Il bisogno di ricomporli, andando a cercare l’inverno in altre isole.
Così ho iniziato questo lavoro. Viaggiando in nave, ho raggiunto Capraia, Lampedusa, Linosa, Pantelleria, Procida, Ventotene, le Eolie, Egadi, Tremiti, il Giglio e l’ isola di San Pietro per raccontare la realtà delle isole minori italiane in una stagione che spoglia queste terre dallo stereotipo di paradiso estivo e mostrarne una bellezza diversa, scandita dai racconti e dai gesti del quotidiano
.

La mia è diventata una mappatura del vicino che rimane lontano, alla ricerca dell’essere isolano come condizione. Ed è proprio durante la stagione invernale, nell’isola di chi resta, che questa condizione si impone. Il mare arrabbiato che non fa partire il traghetto, le manovre della cisterna che porta l’acqua in scogli remoti, la pesca dei calamari, la caccia agli uccelli migratori, il ritrovarsi quotidiano nell’unico bar aperto, diventano tante piccole allegorie. Ogni isola è una storia a parte ma è anche, in qualche modo, uguale alle altre.

Sono rimasta sull’isola anche più di un mese, sperimentando su me stessa il silenzio e l’attesa. Parlando dell’imponderabilità del vento, che soffia da nord ovest e che poi gira verso est nel momento stesso in cui stai cercando di definirne la direzione. Comprendendo quanto il mare, visto dall’isola, si riveli come un’instabile evidenza”.

Il libro si può pre-ordinare, secondo la pratica del crowdfunding al link: 

https://crowdbooks.com/it/projects/isole/

…dove è presente un bel video (su VIMEO) con molte delle foto contenute nel libro stesso:

Isole d’inverno di Federica Di Giovanni on Vimeo


Altri articoli riguardanti Federica Di Giovanni pubblicati su Ponzaracconta:
Federica Di Giovanni, uno sguardo ponzese sul mondo
di Sandro Vitiello

Le fotografie di Federica Di Giovanni
Slideluck Parto: Isole d’Inverno – Editorial, 27.10.2016
traduzione di Silverio Lamonica

Il mestiere del fotografo di Federica Di Giovanni

Federica Di Giovanni vince la IX Edizione del premio FNAC per nuovi talenti della fotografia

I lavori di Federica

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.