Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-22-25 d-03 l-03 s si la-famiglia-vitiello-seduta-su-gli-scogli-giuditta-luca-maria-monica

Crisi coniugale

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Tu che saie quase tutte cose: vai d’accorte cu’ mugliereta?
Sang’ ’i Retunne – Giggino caro, ti vorrei far notare che saranno pure fatti miei e che perciò li conoscerò bene… non “quasi” come dici tu. O no?

Gg – Nun creto propieto, tu certi cusarelle nun le acconosci pene. Si’ malate ’i ’gnorantità.
SR – Quando fai certe insinuazioni me fai sagli’ ’a pressione. Tu che ne vuoi sapere dei miei rapporti di coppia? Che ne sai di mia moglie?

Gg – ’Uagliò, io non voglie assape’ propieto niente appecché già saccie tuttecose. È chiaro? Tu non vaie d’accorto cu’ mugliereta. Punte!
SR – Ma non è vero. Non mettere in giro certe stronzate che qua la gente poi ci crede.

Gg – Tu a me m’u puo’ dicere… confitati cu’ cumpagniell’ tuie. Ie nun parle cu’ nisciuno.
SR – See see..! proprio cu’ nisciuno. Quando sai una cosa riservata non vedi l’ora di correre al bar per essere il primo a raccontarla. Non ti dovessi conoscere… va’ va’!

Gg – Uvvì? Allora è overe ca nun ce vai d’accordo!
SR – E dalle! Era per dire che sei una schifezza di uomo; non quello che vorresti insinuare tu.

Gg – Amico mio, fatte accatta’ ’a chi nun te sape… Io ti accanosco molto pene. 
SR – Io adesso vorrei sapere perché secondo te non dovrei andare d’accordo con mia moglie. Avanti, sputa il rospo.

Gg – Mo’ n’accummenciamme a parlà ’i sputa’, ca i’ perd’a pacienza e vott’i mmane. È chiaro?
SR – Giggi’… chi ti ha detto che non vado d’accordo con mia moglie? Sentiamo!

Gg – Uggesù, me lo hai detto propieto tu.
SR – Io? E quando? Chist’è sceme!

Gg – L’anno passate. Nun t’arricuorde?
SR – Sinceramente no.

Gg – Allora… tu mi ticesti che ti tovevi separare per sparagnare. È giusto o no?
SR – Oh mamma mia! …e questo che c’entra con una crisi coniugale? È solo uno stratagemma per evadere il fisco.

Gg – E chi è? …’u canosche? È d’u puorto o d’i Fforne?
SR – Chi?

Gg – ’Stu Frisco.
SR – Giggi’… il fisco, le tasse. Per pagare di meno, uno fa finta di essere separato. Chiaro?

Gg – Fa finta?
SR – Essì fa finta. Mica è vero!

Gg – Sicuro?
SR – Sicuro, sicuro …Ma perché?

Gg – E allora me sa ch’aggie fatte ’nu ’uaio. Tu m’he ’a perduna’!
SR – In che senso?

Gg – I’ aggie capite malamente, quanto mi hai tetto chella cosa sulla separazione ‘a sparagno’.
SR – E allora?

Gg – E allora, e allora… e allora so’ ghiute addu mugliereta e l’aggie aiutata…
SR – A sì? E come? Le hai fatto una donazione in denaro?

Gg – No no, io nun tenghe ’na lira, tu ’u ssaie. L’aggie aiutata ’i n’atu mode… Tante vuie sireve siparate… no? Chest’è!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.