- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Cisterne e balocchi

Condividi questo articolo
[1]

by Sang’ ’i Retunne
[2]

.

Sang’ ’i Retunne – Assunti’, non vedo Giggino da un po’ di tempo… ma sta bene?
Assuntina – E comme no? Sta a fateca’ ’nda pescina ’a ’nu mese.

SR – Nel pozzo? A fare cosa?
AS – ’U ssaie tu? Io no. E manch’u voglie assape’. Chille a’ vicchiaia se sta scemunènne.

Dopo un po, al bar…

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, m’ha detto Assuntina che è un mese che stai lavorando nel pozzo. Hai problemi? Ci sta qualche perdita di acqua?
Giggino – Chella, mugliereme… ’ngapa ’a tène ’a perdita, no ’nda pescina.

SR – E allora?
GgShhh… Aggie assaputo ’a ’n’amico fitato che stanne p’arriva’ i sorde p’i ciesterne ’a parte d’a Riggione… E io l’appriparo per pene.

SR – Ma che hai capito? Non sono i pozzi che pensi tu, ma le cisterne romane.
GgE i’ ’u ssapeve! Nun ce sta nient’a fa’, ’u punzese è amante d’u frastiere. Mo tu dimm’a mme: a piscina mia che tène ’i meno ’i una ch’ha fatte ’nu romano? Dimme..!

SR – Giggi’, è una questione di storia, non di residenza.
GgA sì? E tu vulisse mètte ’a storia d’a ciesterna mia cu’ chilli cose tutte sfunnate e scrustucate?

SR – Ma sono due epoche diverse… due interessi diversi..!
Gg – ’Uaglio’, ’a mia è perfetta. Tutt’ ’i giment’armato… fin’i dienti! Tutta ianchiàta e prefummata; ci’aggie mise pure i mattunelle ’nderra. ’Uagliò, è ’na cosa ’i lusse. Ate che i romane tuoie.

SR – Ma come te lo devo dire che non è la stessa cosa? La storia delle cisterne romane è più affascinante.
Gg – Ah, è fascinante… e sposatella! …Ma ’nce rompe i scatule! ’A storia d’a pescina mia è chiù meglie assaie.

SR – Sentiamo.
Gg – Allora… primme era ciardino, po’ gallenàre, po’ fuòsse d’a mmunnezza, po’ pescina… e nunn’è fernute.

SR – Giggi’, mi dispiace, ma non è questa storia che interessa alla gente. Non verranno a visitarla.
Gg – A no? ’A verità è che cca ognuno penza ’i cazze suoie. Chest’è!

SR – Ora mi hai incuriosito. Me la fai vedere questa cisterna tua?
Gg – E comme no?

Poco dopo

Gg – Ecche qua. Che te ne pare?
SR – Azz! Giggi’… l’hai pure illuminata? Una meraviglia!

Gg – E che t’accredive tu? Cca staie ’n mane all’arte.
SR – Scusa Giggi’… ma che sono queste scritte col gesso sul pavimento? “wc, camera letto 1, camera letto 2, angolo cucina”. Giggi’… ma che ci devi fare qua sotto?

Gg’Uagliò… e che stamme facenne i ppazziell’ d’i criature? Si nunn’arrivene i sorde d’a Riggione, chesta cca… ’na casa addeventa. È chiaro?

[3]

Condividi questo articolo
[1]