Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

fdp i-27 u-14 ss-22 hp0047 costa

Gioca con il Pesce Oca

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica

.

Quasi tutti i giorni, passeggiando lungo il Corso Pisacane, non posso fare a meno di fare una capatina da Silverio al Brigantino per chiedergli “Silverio, ci sono novità?” A volte la risposta è “nulla di nuovo” altre volte mi mostra qualche libro di recentissima pubblicazione, oppure qualche stampa o qualche documento che è riuscito, chissà come, a “pescare” da qualche parte e, a proposito di pescare, ultimamente mi ha mostrato un bel tabellone, con la mappa dell’isola di Ponza, tutta circondata da numeri, a mo’ di scogli affioranti. Cos’è? Gli chiedo incuriosito.

E’ il gioco del Pesce Oca – mi risponde tutto serafico – non è altro che il Gioco dell’Oca adattato al nostro ambiente marino. E’ costituito da un dado, tre pedine, due cordicelle (una di colore giallo e l’altra blu) e un legnetto per intrecciare i nodi indicati dalle domande lungo il percorso, il libro delle domande e risposte, affidato al “giudice di gara” e questo tabellone. Si gioca in due o tre persone, le quali dispongono le loro pedine, in corrispondenza dell’uscita del porto di Ponza, quindi “fanno la conta” per stabilire chi deve lanciare per primo il dado. Dopo una breve interruzione aggiunge: Ah ecco, sul retro del tabellone sono ben sintetizzate le “Regole del Gioco”. E’ semplice. Prima di muovere le pedine, bisogna rispondere alla domanda corrispondente alla posizione stabilita dal dado lanciato. Le domande sono di tre livelli: “facile” “medio” e “difficile”. Prima del gioco, i partecipanti devono scegliere il “livello di domande”.

Dopo averlo acquistato, a casa ho sfogliato il libro delle domande, illustrato dai delicati acquerelli dell’impareggiabile autore e mi sono reso conto che attraverso questo simpatico gioco da tavolo, si approfondisce la conoscenza di questa nostra incantevole isola sotto i vari aspetti; infatti le domande riguardano la storia locale, la flora e la fauna marina, i toponimi dei vari luoghi dell’isola e ciò che riguarda la pesca e la navigazione.

Non sto qui a ricordare i vari pedagogisti, psicologi, educatori che da qualche secolo a questa parte hanno affermato e dimostrato l’efficacia dell’attività ludica nei processi dell’apprendimento. Tuttavia sotto tale profilo, intendo raccomandare questo simpaticissimo kit ai nostri ragazzi delle scuole di Ponza e, perché no, anche ai loro genitori e specie a tutti coloro che hanno a che fare coi turisti. Spesso i nostri ospiti fanno domande come la seguente: “Spaccapurpo… cosa significa?”; anche se l’ideatore l’ha inclusa tra le domande “facili”, non tutti sono in grado di rispondere con esattezza.

Condividi questo articolo

1 commento per Gioca con il Pesce Oca

  • Luisa Guarino

    La fantasia e la creatività degli artisti è prodigiosa! Questa nuova creatura, il Pesce-Oca, mi ha immediatamente conquistata, e non vedo l’ora di prendere la scatola del gioco per regalarla al mio nipotino Francesco, che compirà due anni ad agosto. E la prenderò anche per me. Congratulazioni al nostro Silverio Mazzella e grazie di questo autentico graditissimo regalo che ci arricchisce tutti: mi auguro che esso diventi il gadget dell’estate 2018.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.