Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

f-a 30-07-2005-19-32-10_0004 vb-23a m 44 Una delle tante vele storiche

La Cina è vicina

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, che ci devi fare con quella lente di ingrandimento? Mi sembri Sherlock Holmes?
Giggino – Ce sarrai tu cu’ tutt’a razzaccia toia fetente e puzzolente! E’ chiaro?

SR – Che cazz’he capite mo’? Ma è possibile mai che stai sempre sul chi va là? Giggi’, smobilitati! …la guerra è finita, gli sceriffi li abbiamo cacciati via!
Gg – Ancore nunn’he capite ch’a mme i parole strevese me fanne perd’a capa!? Tu parle bbuone, e i’ nun me ’ncazzo. E’ chiaro?

SR – Altro che! Chiarissimo. Allora dimmi… che ci fai con quella lente di ingrandimento?
Gg – Uggesù! ’Ngrandisco. Sinnò che ci’avessa fa’? …gira’ ’a menesta?

SR – E certo, ingrandisci, ma cosa?
Gg – Ma chist’è propie sceme! Ce ’ngrandisco ’i cusarelle piccerelle.

SR – Eeeh! Quann’u ciuccio nun vo’ bevere, he voglia a fischia’!
Gg – Mo’ dimme a me! Chi fosse ’stu ciuccio che non vo’ beve?

SR – È mai possibile che quando non hai voglia di rispondere ti metti sempre a fare questa commedia? Fai prima a dirmi “non te lo voglio dire”… Punto e basta. Senza fa’ tanti mosse!
Gg – Ma i’ t’u voglie dice… si’ tu che non sai spremmere la timanda.

SR – See see …spremmere ’u limone.
Gg – No, la timanta interrogatoria.

SR – Vabbuo’, ricominciamo. Giggi’ cosa devi ingrandire di piccolo con quella enorme lente di ingrandimento?
Gg – Allora. Tevo ingrandire la tichetta pe’ vede’ ’a do’ cazze venene i cose che m’accatto.

SR – Caspita, stai avendo una presa di coscienza commerciale?
Gg – Uvvi’, mo’ accummenciamme n’ata vota! I’ nunn’aggie pigliate propie niente. Nun so’ stat’ io, i’ nun c’entro e manche steve llà. È chiaro?

SR – Vabbuo’. Lasciamme sta. Che prodotti cerchi? Indumenti, confetture, olio, scatolame. Cosa?
Gg – Cartucce p’a caccia.

SR – E ti pareva..! E cosa controlli?
Gg – Addo’ l’hanno fatte.

SR – A sì? E perché?
Gg – Uggesù. Che dumande fai? Pe’ evità i frecature.

SR – Di che tipo?
Gg – Presempio, ce stann’ i cartucce fatte a Roma.

SR – Come sono?
Gg – Chell’i Roma fanne sule fumme.

SR – Hai capito!
Gg –Po’ ce stann’ i cartuccie svizzere.

SR – Saranno precise?
Gg – Macché, fanne fetecchia!

SR – Incredibile, non me lo sarei mai immaginato.
Gg – …E ce stanne i cartuccie ’i Centocelle.

SR – Pure? Non ci posso credere.
Gg – Beh! Tutt’apparenza.

SR – A sì?
Gg – E ’ndivina quale so’ i meglie assaie?

SR – Non ne ho idea, non è materia mia. Dimmi tu..!
Gg – I cartuccie nord-coreane.

SR – Ma daaii! La roba cinese non va. Lo sanno tutti.
Gg – E invece so’ i meglie! …Ma ’ngoppe ciadda sta’ scritto: “Mate in Corea-zarrisa, via Calacaparra s.n.c.”. Chest’è!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.