Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

e-01 i-24 k2-21 k2-24 v5-4a ss16

Il bruto e la bestia

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Sicondo te, stonghe vestute buone sì o no?
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, vuoi una brutta verità o una bella bugia?

Gg – E ffa’ tu!
SR – Giggi’, staie ’na chieveca! Mo’ t’aggie ditte!

Gg – Uggesù! …e pecché? Songh’i stivale che nu’ vanne buone?
SR – Beh! I stivale gialle non è che so’ il massimo dell’eleganza, ma è anche tutto il resto che non va… diciamola tutta!

Gg – Ie mo’ vuless’ propi’assape’ chi ’i decide cierti ccose. Avanti, dimm’a me! Chi è ’stu scinziate!
SR – Nessuno, le decide! …è solo una questione di gusto e di opportunità nell’indossare gli indumenti adatti.

Gg – Ma chi ’u ddice? Fore nomme e cugnomme!
SR – Giggi’, ma tu a chi vuo’ accide stammatina? A mme?

Gg – E vancell’a dice a chella stronz’i Assuntina che me scass’i scatule d’a matina a’ sera.
SR – Cioè, che dice?

Gg – Che dice… Allora: “I cazettielle nun songh’ uguale e tènene i pertòse, ’u spave pe’ curréa nun va buone, ’u maglione tene dieci buch’i sigaretta, ’u cazone è cunsummate ’ngule comm’e ’na scigna”. E po’… “puzz’i nafta comm’e ’nu metore, tiene i capille comm’e ’nu mafrone, d’i mmutande po’ nun ne parlamme propie…”
Ma basta cu ’sti critiche! Bastaaa!

SR – Effettivamente tutti i torti non li ha! …la tua tenuta è davvero un po’ troppo casual.

Gg – E chi è?
SR – Chi?

Gg – Castrual…. è d’i Fforne?
SR – Sì, vabbè… Giggi’, i calzini devi appaiarli.

Gg – Ma chi cazz’i vvede ’ndi stivale? Pe’ me è sule pe’ fa’ scazzella!
SR – Perché non metti la cinta, invece dello spago? Te la do io una bella cinta di cuoio.

Gg – ’Uagliò, grazzietante, no! Tu he ’a sape’ ch’a mme quande me vene, me vene! Nun me da’ tiempe manch’i dice “Madonna mia aiutame”, ch’aggia scioglie subbete ’a nocca d’u spave… e vaiiii! …moll’a poppaaa!! Sinnò me cache sotte. E’ chiaro?
SR – Caspita! Ma almeno il maglione lo potresti cambiare no? È pieno di buchi! Te lo do io. Ne ho uno adatto a te.

Gg – Tu scot’amme. È ’nu sparpèrio inutile. Tienatìlle!
SR – E perché mai?

Gg – Dure ’nu iuorne. ’U dimane è ’n’ata vota bucate. Cretimi!
SR – Ma con questo ragionamento uno nemmeno si lava, tanto poi si sporca. O no?

Gg – Azz! E tu che ne saie?? Chest’ è essa che t’ha ditte! Chella grande stronza ca nun se fa maie i cazze suoie: mo pure ’ndu cesse me vene a spia’? Primm’ o poi ’a struppea!
SR – Oh mamma mia, Giggi’, come stai cadendo in basso. Non puoi lasciarti andare in questo modo. Ti stai abbrutendo.

Gg – ’A colpa nunn’è ’a mia… è ’a mota frastera che nun se fa i cazz’ suoi e m’arruina ’a vita a mme.
SR – Giggi’, non è questione di moda, ma di dignità. Ti devi dare una sistemata! Così proprio non va. Mi sembri un barbone.

Gg – Chille c’hanno fatte ’u puorte barbonico?
SR – See see… Ma toglimi una curiosità. Cos’hanno le mutande che non va?

Gg – Ah! …pe’ chelle ’a colpa nunn’è d’a mia. Assuntina parla parla, ma p’u fatte d’i mmutande, i’ nun tenghe nisciuna responsabilità. Chest’ è sicuro!
SR – Perché che hanno queste mutande? Dimmi!

Gg – Songhe sguarrate annanze. Ma i’ là nun c’entre. T’u pozze giura’! È ’a bestia… che quande vede ’na coscia frastera, ’mpogn’a capa e scasse tutte cose!

 

Immagine di copertina: vignetta di Andrea Pazienza (Paz), traducibile più o meno così:
’Mbeh? Che ne sapite vuie che guaie ch’aggie passate a esse ’u Giggine cchiù famose ’i Ponza? Essù..! ’U stress…
E si vedìsseve a Sang’ ’i Retunne!



 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.