Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

paolo-16 s-02 f-04 stradina massimo-di-cataldo sl372216

Buona Pasqua ricordando Eduardo

Condividi questo articolo

la Redazione

.

Non c’è nulla da fare… il dialetto ci gira continuamente intorno ed ogni occasione è buona per parlarne, per tirar fuori ricordi, detti, poesie e filastrocche. Questa volta lo spunto ce lo dà la Pasqua che ci riporta alla mente una bella poesia scritta per l’occasione dall’indimenticabile Eduardo. E’ anche il nostro modo di augurare ai ponzesi e a tutti i nostri lettori una Serena e Felice Pasqua.

 

Pasca e Natale

di Eduardo De Filippo (1900-1984)

Natale e Pasca so’ cumpagne tale
ca vanno sott’ ‘o vraccio eternamente.
Chi Pasca dice annòmmena Natale,
e de Natale Pasca vène a mmente.

Eppure ce sta tanta differenza
comme ‘a casa d’ ‘o Papa e ‘a casa mia.
Natale porta friddo e sufferenza,
Pasca strascina ‘a ggente mmiez’ ‘a via.

«Buon Natale!», te dice ‘o guardaporta,
c’ ‘o naso ‘a for’ ‘a senga d’ ‘o cappotto.
«Buona Pasqua!», te strilla, e nun le mporta
si s’è rotta na lastra d’ ‘o casotto.

«Buon Natale!», te dice ‘o farmacista,
e te conzegna ‘e pinnole p’ ‘a sera.
«Buona Pasqua!», e te pesa a primma vista
l’essenza ‘e fior d’aracio p’ ‘a pastiera.

«Buon Natale!», te dice ‘o cusetore,
e te cunzegna ‘o piso ‘e nu cappotto.
«Buona Pasqua!», e accummencia nu calore
ca te sfile ‘a cammisa e ‘a maglia ‘a sotto.

«Buon Natale!», sta scritto add’ ‘o barbiere,
e te siente ‘o ssapone friddo nfaccia.
«Buon Pasqua!», e ‘o rasulo è nu piacere.
‘A nnamurata toia nun te ne caccia.

Chi Pasca dice annòmena Natale,
ma pe’ Pasca ce tengo ‘a simpatia.
‘O sole ‘e Pasca nun te po’ fa’ male
e scarfa ‘e puverielle mmiez’ ‘a via.

Pasca porta ‘e pesielle, ‘a ncappucciata,
ll’aglie nuvelle, a cepulluzza, ‘o ggrano;
e porta n’aria fresca e profumata
ca l’ ‘e desiderata n’anno sano.

Te porta ll’uocchie nire ‘e chi vuo’ bene,
ca te vieneno a di’: «Facimmo pace»…
Ll’uocchie ca nun cunoscene catene
tu sulamente a Ppasca ‘e ffaie capace.

«Buona Pasqua!», te dice, e chianu chiano
te pos’ ‘a capa ncopp’ ‘a spalla… e aspetta.
E ‘a mano và truvanno ll’ata mano…
Ah, benedetta Pasca, benedetta!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.