Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ponza racconta a1-1 u-30 20 37 corrida2

Pesce fresco… fetente

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Ma dico io che moti sono questi? Cca non ce sta chiù areliggione. Stevene meglio quande stevene peggio. Chest’è!
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, mo’ sei arrivato a parlare da solo? Questa mattina mi sembri un profeta…

Gg – E i’ m’accapische sule sule. Che è meglio!
SR – Ma dimmi, qual è l’oggetto di questa tua analisi socio-politica-antropologica mattiniera?

Gg – Sient’a me… nunn’accummencia’ a fa’ ’u brefessore cu’ miche parlanne a cazze, che te manne a chillu paese dritte dritte cu’ tutti gli onori. È chiaro?
SR – E mamma mia, ma stai sempre ’ngazzate!? …Assuntina, ’a politica, ’a staggione, i furastieri, i vicini ’i casa… è ’nu continuo. Adesso cosa è che ti inquieta? Racconta, racconta tutto all’amico tuo.

Gg – Si’ tu! Chi me scasse ’i scatule mo’ si’ ttu. Chi nun supporte è l’amico mio che si’ sempe tu. Mo’ è chiaro?
SR – Ah! …alla faccia della sincerità! E che ti avrei fatto io? Sentiamo.

Gg – Mi fai i dumande. I’ manche a’ scola respunnev’i dumande, figurammece a tte!
SR – Giggi’, diciamola tutta! Tu a scuola non rispondevi alle domande perché non conoscevi le risposte. Sire ’nu ciuccie!

Gg – Ueeeee! E che? …è ghiute a furni’ a carn’a sotte e i tubbettielle ’a coppe?
SR – Scusa, ma nunn’erano i maccarune che finivano sopra?

Gg – A me i maccarune nun me piaciene!
SR – Sì sì, tutto quello che vuoi tu, però non mi hai ancora detto perché sei incazzato.

Gg – Allora… me vangh’a’ccatta’ ’nu chile ’i retunne… e chille che me dà?
SR – Che ti dà?

Gg – ’Nu chile ’i mennelle
SR – E vabbuò, sempre pesce è. Poi sono pure meglio dei retunni.

Gg – Secondo te!
SR – Ma quando li hai presi, non hai guardato cosa ti stava dando?

Gg – Ie quann’ parl’ ’i caccia nun veche e nun sente. È chiaro?
SR – E mangiat’i mennelle, allora!

Gg – Mo’, si’ fusse ’n amico, t’i pigliasse tu, ’sti cazz’i mennelle ’i cazze.
SR – Evvabbè! Ma te le devo pagare?

Gg – Ueee! “Pe’-senza-niente” murett’i famme.
SR – E ti pareva. Pure sugli errori suoi ci deve fare commercio. Almeno fammi uno sconto.

Gg – E ’ngopp’ a ’nu chile ’i mennelle, vuo’ pur’u sconto?
SR – Incredibile. Almeno sono fresche?

Gg – Io vendo solo pesce fresco. Uvvi’ ’u gliaccio? Chiù frische d’u gliaccio che ce sta?
SR – Allora credo di non aver capito qualcosa…

Gg – E mica è ’na novità. Tu si’ sceme.
SR – Tu vendi il pesce?

Gg – Quanne trov’u fesso ca s’u ’ccatta venne pure ’u pesce.
SR – A ecco. Quindi in questo momento il fesso sarei io?

Gg – Essì. Mo’ però damm’i soldi ch’ancora nun l’aggie pagate, ’sti quatte pisce fetiente!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.