Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-36 i-31 v2-11 ernesto-15 Idraulica antica: fosso di regolarizzazione Una cintura di cistoseria a pelo d'acqua

Il Giovane e il Mare. Una storia vera di Coraggio, Fede e Speranza (5)

Condividi questo articolo

di Emilio Iodice

.

Francesco Sandolo, un capitano che viveva vicino alla chiesa di Santa Maria Assunta a Le Forna riusciva a vedere chiaramente Palmarola con un binocolo dal suo balcone. Era il terzo giorno dalla sparizione della barca. Francesco si alzò presto e, alle prime luci dell’alba, iniziò a esaminare l’isola, dalle sue spiagge alle colline, fino alle cime delle montagne. Tutto d’un tratto, vide qualcosa. Un fuoco e delle larghe colonne di fumo si alzavano da uno dei picchi. “Sono lì”, disse a sua moglie, e informò immediatamente le autorità.

Nella tarda mattinata una barca a motore della guardia costiera partì in direzione di Palmarola; Raffaele Iodice, il padre di Silverio, era arrivato a Ponza. Il titolo in prima pagina di un giornale napoletano descriveva il disastro. Raffaele era devastato, il giornale riportava in modo errato i nomi dei sopravvissuti e dei morti. I vivi erano dati per dispersi e coloro che avevano perso la vita erano dati per vivi. Temeva per la salvezza di suo figlio.

La barca a motore raggiunse l’isola in meno di un’ora. Emiliano la vide e corse giù verso la spiaggia. Quando l’imbarcazione lo raggiunse, aveva già raccolto quattro uomini, incluso Silverio. Tre erano rimasti aggrappati a dei pezzi della loro barca ed erano stati trasportati verso luoghi più sicuri sulla riva. I cinque sopravvissuti erano i membri più giovani della ciurma, i marinai più anziani erano periti con il loro capitano, Fabrizio. Il suo corpo fu l’unico a non essere mai ritrovato.

I ragazzi rimasero seduti in un silenzio attonito dovuto allo shock per tutto il viaggio di ritorno; sarebbero andati avanti, ma non avrebbero mai dimenticato la disavventura della quale erano stati testimoni quel giorno.

La pelle di Silverio era diventata scura e marrone per l’acqua gelida e le ferite. Era coperto di tagli e lividi e aveva perso molto sangue. Era un miracolo che avesse resistito a quell’incubo. Di ritorno a Ponza, dovette di nuovo lottare per la vita: aveva contratto un’infezione che gli causò una febbre molto alta. Infine, dopo altre due settimane, la febbre passò.

Emiliano andò a fargli visita e gli raccontò la storia dell’anziano uomo. I ragazzi si recarono in chiesa per ringraziare Dio di averli salvati; si inginocchiarono davanti all’altare di San Silverio. Emiliano guardò profondamente il volto del Papa martire e le lacrime gli riempirono gli occhi. Si girò verso Silverio e disse: “Era lui”.

Epilogo

 Sei mesi dopo il suo naufragio a Palmarola, Silverio partì per l’America. Approdò il giorno dopo il crollo del mercato azionario a Wall Street, all’inizio della Grande Depressione. Andò avanti, ebbe una vita attiva e di successo nel Nuovo Mondo e fu un pilastro della comunità dei Ponzesi. Con la prima paga sostanziosa che ricevette, creò una statua per San Silverio che fu il centro della Festa di San Silverio a New York per cinquanta anni.

Raccontò molte volte la storia per la quale quasi perse la vita, la raccontò molte volte a me in particolare.
Quando avevo venti anni, mi recai a Ponza in un pellegrinaggio personale. Lì, incontrai Emiliano e alcuni dei sopravvissuti; ognuno riportò la propria versione di quello che era accaduto. Emiliano, in particolare, disse che era tornato a Palmarola anno dopo anno in cerca dell’anziano uomo. Non lo trovò mai.

Nel 1971, Silverio ed Emiliano si ricongiunsero. I due migliori amici si incontrarono a Ponza e rivissero i momenti del loro naufragio. Fui fortunato da vederli piangere e abbandonarsi al ricordo dei loro compagni perduti, dell’eroismo di Fabrizio e della grazia di Dio e di San Silverio che li avevano salvati dagli abissi.

Divenne un simbolo di fede e coraggio per molti, specialmente per me.
Silverio era mio padre.


You raise me up, so I can stand on mountains
You raise me up, to walk on stormy seas
I am strong, when I am on your shoulders
You raise me up: To more than I can be.

Tu mi sollevi, così che io possa stare sulle montagne
Tu mi sollevi, per farmi camminare su mari in tempesta
E sono forte, quando sono sulle tue spalle
Tu mi sollevi: più di quanto possa fare io.

[Dalla canzone You Raise me Up: Autori: Secret Garden, Rolf Lovland e Brendan Graham]

Ringraziamenti
Ad Alice Calisti Cutini che ha gentilmente tradotto lo scritto dall’inglese all’italiano

 

[Il Giovane e il Mare (5) Fine]

Per le puntate precedenti digitare – Il Giovane e il Mare – in “Cerca  nel Sito”,
oppure attivare  la ricerca per Autore: Iodice Emilio

 

I libri di Emilio Iodice, su www.amazon.it

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.