Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v2-21 v8-10a ss-21 corrida17 scansione0001 Ritrovamento della parte muraria del vecchio porto romano

La mia scelta per il 4 marzo

Condividi questo articolo

di Giuseppe Mazzella di Rurillo

.

Proposta e non Protesta / Ad Ischia ed in Italia
Andrò a votare e voterò per LeU – Liberi ed Uguali, Leali e Umili

Vado a votare il 4 marzo. Voto con tutto il carico delle “proposte” che sto annunciando da sei mesi per la Ricostruzione ed il Rilancio di Casamicciola e dell’isola d’Ischia dopo il sisma del 21 agosto 2017.
Non condivido l’appello dell’imprenditore alberghiero Antonio Longobardi, il cui albergo che si trova nella “zona rossa” di Lacco Ameno non riaprirà nel 2018, per un “non voto” espresso in formalismi giuridici.

Dobbiamo chiedere prima di tutto ai nostri sindaci e consiglieri comunali di avviare la “Ricostruzione dal basso” così come ieri chiedevamo lo “sviluppo dal basso”.
La prima protesta è contro la mancata iniziativa dei Comuni in materia di Pianificazione Territoriale e di Programmazione Economica.
Dove è il Piano Urbanistico Comunale o Intercomunale dei Comuni di Casamicciola e Lacco Ameno che la legge regionale del 2004 dice – con uno “slittamento” – che bisogna realizzare entro il 31 dicembre 2018.
I due comuni colpiti non hanno affidato nemmeno l’incarico professionale! Il PUC è essenziale per la ricostruzione e la riqualificazione del territorio!

Ma i due Comuni più colpiti perché non hanno istituito una “Cabina di Regia” chiamando il Ministero del Mezzogiorno, la Regione, la Città Metropolitana al concorso istituzionale attraverso i loro “enti strumentali” Invitalia e Sviluppo Campania o la fantomatica Agenzia Nazionale per la Coesione Territoriale?
E tutto il programma dei fondi europei 2014-2020 che fine ha fatto? si tratta di almeno 56 miliardi di euro.
E la Regione? Con il PTR del 2008 dei “Sistemi Locali di Sviluppo” 45 in Campania di cui uno solo per l’isola d’Ischia che fine ha fatto?
Ed il “Board” della Città Metropolitana di Napoli?

Richiedere un Commissario alla Ricostruzione significa sciogliere i consigli comunali perché non sono all’altezza di governare il territorio. È questo il punto?
Al Parlamento ed al Governo gli Enti Locali debbono chiedere molto e debbono farlo con leggi alla mano. Ci sono. Potranno essercene altre. Ma gli enti locali, se il decentramento democratico della Repubblica sancito in Costituzione ha un senso ed un valore, debbono essere con i loro amministratori all’altezza delle nostre difficoltà.

L’isola d’Ischia è “ferita” dal sisma del 21 agosto ma non è morta.
Il sistema economico si deve dimostrare all’altezza di questa crisi. Il navigatore si vede con il mare in tempesta non con l’acqua cheta.
Il sistema imprenditoriale ha gestito il grande boom degli anni ‘ 70 e ‘ 80 del ‘ 900 con spregiudicatezza. Ora anche esso deve dimostrare solidarietà al mondo del lavoro. Perciò andrò a votare.
Voterò per la lista del presidente del Senato, Pietro Grasso, che a 72 anni dopo una intera vita di Servizio alle Istituzioni scende in campo per difendere, attuare, estendere i Valori della Costituzione.
Voterò per tutta la sua squadra.
Voterò per Donne come Anna Falcone e Michela Rostan. Voterò per la Costituzione che ho difeso votando NO alla riforma distruttiva proposta da Renzi. Voterò perché l’isola d’Ischia non solo è separata ma unita dal mare al Continente.

È la Costituzione il “compromesso storico” tra liberalismo, socialismo, dottrina sociale della Chiesa.
È la Costituzione la Legge Fondamentale da praticare non solo da predicare.
È la Costituzione che dà valore e senso al “concorso dei Cittadini” attraverso i Partiti alla vita pubblica.
Bisogna rivalutare la Politica con la P maiuscola e rivalutarla come “servizio civile”. Non solo Liberi ed Uguali ma Leali ed Umili per una società più giusta e più umana. Voterò senza sognare l’“isola di Utopia” di Tommaso Moro ma con il richiamo all’ Onestà ed all’impegno civile. Senza proteste o ribellismo perché non servono.
Voterò contro il populismo, i venditori di fumo ed i demagoghi.

Con realismo senza gli eccessi del pessimismo o dell’ ottimismo. Consapevole assolutamente che questo è il momento più difficile che vivo nella mia vita.
Giuseppe Mazzella
giornalista
Direttore dell’ agenzia stampa “Il Continente”

Casamicciola, 24 febbraio 2018

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.