Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-23 v2-9 v4-6a 37 3258 scansione0001

La poltrona del dialetto (30). ’A priezza

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

Arriva il burian. Nel chiuso di casa si combatte meglio il freddo. Ancor di più se in compagnia della poesia.
Lei ignora il meteo, e trasporta in un luogo tuo.

 

’A priezza

’Na carezza d’a mano,
’nu culurcio ’i pane e pummatore,
’na curteglia ’nfiore
addò ce pote ’u punente:
me giro attuorno e sento
’a voce d’u mare abbasce ’a 
muntagna;
d’auste ’u caude d’a sulagna;
e ’a campana sona l’Ave Maria
e p’a via se metteno i bezzoche;

“ui’lloche, sta arrevanno 
’u vapore,
sta venenno ’u uaglione ’a fore:
’stu figlio, pozza vunna’ comme   
vonne ’u mare”;
e ’st’aria comm’è fresca
quanno ’u sole e ’a luna
s’ammescheno,
e tu me parle zitto
e ie te uarde fitto.

Passa l’aità e se cagneno i cose
e i porte ’nserrate se so’ schiuse
e i figliulelle andoreno ’i rose.

Tutto sta ccà
Dint’a ’sta mano
ca chiano accarezza
e dà priezza.

 

Questa la versione recitata:

 

Nota.
Immagine di copertina. Un batik di Jezima Mohamed dallo Sri-Lanka, che simboleggia l’abbondanza del mare: pozza vunnà, comme vonne ‘u mare – “possa abbondare, come abbonda il mare”

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.