Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-12 c-0 k2-24 corrida22 sl372230 Immagini storiche di Ponza

Modestia a parte

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Cierte vote i’ penze… che putesse succede se io non ci starei… su cotesto scuoglie ’i merda?
Sang’ ’i Retunne – E certo! Chissà cosa succederebbe senza di te! …A proposito, cosa succederebbe?

Gg – Tu  fa’ pur’ ’u simpatico a sfotte… ma ’u primme fusse propie tu, a zumpa’ pe’ ciele. È chiaro?
SR – A sì? E in che senso?

Gg – Modestia a parte, io te scanz’ ’nu sacco di mazzate. Cca t’allesciàssene ’u pile malamente… e chiù ’i uno.
SR – E per quale motivo? …Dimmi dimmi!

Gg – Primm’i tutte pecché si’ verde! E ’a chesti pparte è ’nu culore che sta ’ntipatico.
SR – E dalle cu’ sta storia! E poi?

Gg – Eppo’ pecché si’ russe. N’ata chiaveca ’i culore.
SR – Ci manca il bianco e abbiamo fatto la bandiera!

Gg – Modestia a parte t’aggio salvato chiù ’i ’na vota, propiete pe’ chesti strunzate che vaie sparanne.
SR – Scusa, stiamo in democrazia ed io dico quello che mi pare. E poi è solo una battuta. O no?

Gg – E comme no!? E siccome stamme in democrazia, chille te struppéano “democraticamente”: ’nu poche appedone. E ’a “battuta” t’ha danne eccome… ma ’ngapa!
SR – Ma te pare ’na cosa iusta?

Gg – A me sì. ’U munno è fatte p’i forti, non p’i’ pappamolle verde e russe comm’e te. E’ chiaro?
SR – Mamma mia! …ma qua la situazione veramente è peggiorata di molto. Ti arritiri la sera in santa pace e al mattino quando scendi è tutto cambiato… trovi la guerra! Mah!

Gg – Modestia a parte, ’u merito è pure ’u mie.
SR – Giggi’ ma ti rendi conto che non è una cosa di cui vantarsi?

Gg – Modestia a parte no!
SR – Senti, ho notato che hai preso pure quest’altro vizio di dire sempre “modestia a parte”. Ma chi te lo ha messo in bocca si può sapere? Chi è stato ’stu fetente.

Gg – Penza a’ vocca ’i sorete e lascia sta a mme! È chiaro?
SR – Noto una recrudescenza della violenza verbale e pure fisica, tanto che si arriva addirittura a minacciare una persona che la pensa in un modo diverso. Prima non era così.

Gg – Tiene arraggione! Apprimma, cumme sgarrave c’a vocca, erano carocchie e paccarùne ’nfaccia senza se e senza ma. Nun ce steve discussione… nun se perdeve tiempe. E perciò nesciune pensava ’i n’ata manera. Unu penziero, unu parero.
SR – Giggi’, ma non era così, ti sbagli. Prima c’era più tolleranza.

Gg – Era d’i Fforne?
SR – Chi?

Gg – Toglie’a lanza.
SR – Basta così! Per oggi m’he avvelute abbastanza. Me ne torno a casa. Me vangh’ a mette ’ndu liette!

Gg – Ecco qua ’a vigliaccaria! E menu malo ca ce stongh’ ie. Modestia a parte songh’ ’u salvatore ’i ’stu scoglie ’i desperate, cacasotte, mangiacastagne, beverumm e cacasicche.
Chest’è!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.