Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-18-26 f-a v4-14a v3-13a fl-01 ernesto-10

Giggino e ’i tre caccavelle

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, questa mattina ti vedo particolarmente sconvolto.
Giggino – Essì, te vulesse vede’ a te a passa’ chelle ch’aggie passat’ ie.

SR – A sì? E questa volta cosa hai passato? Perché qua mi sembra che succeda tutto a te.
Gg – Sembra? ’A mia è ’na iastemma ca tengh’ ’nguolle. A cummencia’ ’a suppurta’ a tiche.

SR – See, see… racconta dai!
Gg – Songh’ partute pe’ fa’ rifornimento.

SR – Alla macchina?
Gg – Ma noo, a’ cartucciera.

SR – A ecco! E allora?
Gg – Al ritorno me so’ mise ’ngoppe all’eliscafo e me so’ appapagnate, viste ca steve scetate d’i quatte.

SR – Eh, una levataccia… E poi?
Gg – Aveve pigliate suonne accussì belle… a ’nu ciertu punte: “’Ueee si scende, si scende! Te muove o no? Ccà tenimme a cche fa! Si scende!”.

SR – Ah! Ne so qualcosa… i soliti modi gentili! Ma tu, dico io, quanto hai dormito?
Gg – È chelle c’aggio pensate pur’io: ma n’ora è passata accussì veloce? Azz! …e comme aggie durmute pesante?

SR – Eh sì, tu quando sferri sferri!
Gg – Ma che vu’ sferr’! Vangh’ a scenn’… e nun me trove n’ata vota a Formia?

SR – Nooo! E che ha fatto è tornato indietro?
Gg – No! S’è rutte ’u metore..! …nunn’è propie partute.

SR – Azz! E poi?
Gg – Allora piglie arm’e bagaglie e saglie a buord’u vapore. E pure llà…m’ero appena appapagnato, muort’i suonne e muort’i famme… che me scetano: “’Ueee te si’ assettato al posto degli invalidi. T’he sosse subbito”.

SR – Sei il solito menefreghista. Cu’ tanta poste.
Gg – Ma addò stevene ’st’invalidi? Dimme a me! Nuie cinche ne iereme. Almeno là appuie ’a capa!

SR – La legge è legge sempre! E allora?.
Gg – E allora… aspetta, aspetta, aspetta… e stu cazz’i vapore nun parte.

SR – S’ere rutte pure ’u vapore?
Gg – No no! Maletiempe! S’era aizzata ’na vagliatura ’nu po’ cchiù forte e ’u vapore nun poteve viaggia’!

SR – E certamente! …la sicurezza innanzitutto.
Gg – Sì sì, ’a sicurezza ’i nun parti’ cu’ mare a calme! Lasciamm’a sta che è meglio!

SR – E allora?
Gg – E allora ha accumenciate Assuntina pe’ telefono: “Te vuò arretera’ sì o no?  T’he fatte a cummara ’nderra Formia, bruttu farabutt’, puorche e ’nzevuse!! Nun t’a donghe chiù, nun t’a donghe chiù! …punto e basta!!”.

SR – E che vuo’ fa’: “a copp’u cuotte, acqua vulluta”. A allora?
Gg – E allora? Muort’i suonne, muorte ’i famme, ’ngazzate e chin’i rrobba, me so’ vuttate a buorde ’u buattòne.

SR – Quale buattòne?
Gg – Chille tutte acchiuse che si è fa’ ’na vummecata l’he vutta’ a’fforza ’nfaccia a cocchedune.

SR – Caspita! Ma almeno è partito?
Gg – Come no! A parti’ è partute, ma nun è arrivato ’a do’ era venuto.

SR – A no? E dove è arrivato?
GG – È arrivato a Vientutène. E là so’ rimaste pe’ cinche iuorne… p’u meletiempe!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.