Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0049-049 i-35 e-06 k2-35 c-2-20 IMG_20171105_102647 (2)

Su e giù per Ponza. Rosa d’inverno

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Ho visto seduto, quasi accartocciato su di sé, nell’angolo, Angelo, a godersi il ritorno del sole. Nei cantucci lasciati mesi fa. Torna u sole p’ i case, come ribadisce il motto. E al suo calduccio il corpo ritrova la forza d’affrontare il rosichìo del tempo.

Ponza è paese di anziani. Che aspettano da altri lo sprone. La natura ha esaurito in loro la spinta vitale. Che i giovani possiedono ma che non manifestano qui perché abbandonano il paese e si portano altrove.

A consolare rimane il sole, che lentamente si riprende i luoghi. Ma è breve il sollievo. Rinforza il ponente e … bisogna rincasare. Angelo con una smorfia di disappunto dice: m’ aggia arreterà, pecché se no piglio friddo!

Nell’andar via indica con la mano. Seguo la direzione e vedo, dimessa e crucciata, nell’aiuola, una rosa. Sta faticosamente provando ad aprire i petali. Ha dovuto lottare contro i rigori dell’inverno. Con pazienza e tenacia.

La pazienza è sostenuta dalla determinazione di quanto si vuole. La tenacia la sorregge nelle avversità.

Anch’io sento le membra avvertirmi che è ora che rientri. Guardo la rosa e mi ricarico. La natura scuote e abbatte, e poi rinnova e rinvigorisce.

Questo aspetta il vecchio animo degli isolani: rinnovamento e vigore.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.