Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0032-032 i-36 106 113 corrida7 250px-uv-map

’A cummissione parlamentare p’a strunzaggine

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Ué, Giggi’, ho saputo che fai parte di una commissione speciale. È vero?
Giggino – E sule tu ’o teniv’ assape’. Mo’ stamm’appost’!

SR – Sinceramente non immaginavo proprio che qua ci fossero delle commissioni. Per me è una novità.
Gg – E tu che vuo’ immagina’… nella tua ’gnurantità!?

SR – E tu ne fai parte, di questo simposio?
Gg – Ce sarrai tu, cu’ tutt’a razzaccia toia, zimper-osio! È chiaro?

SR – Ma ch’è capito? Tu fai parte di questa commissione?
Gg – Uggesù!… e so’ dimand’ ’a fa? I’ ce faccio parte ’a quann’ esiste ’u parlamento.

SR – Il Parlamento? A Roma?
Gg – E se! …a Roma mo’!? …A Calicaparra!

SR – Ah ecco. E là avete pure un parlamento.
Gg – Ma chist’ è propie sceme! E uno addo’ teness’ ’a parla’? …’ndà chiesa? ’Nu parlamento ce vo’ e bbasta!

SR – E in questo parlamento… c’è una commissione?
Gg – Eccerto!

SR – E di che si occupa questa commissione?
Gg – He voglie tu! ’I tanti ccose. Presempio… d’i soprannomi.

SR – Addirittura?
Gg – Eccerto. Ccà ’a gente è scustumata… fa schifezze mai viste!

SR – A sì? Fa schifezze con i soprannomi?
Gg – Ma te pare iuste a tte ca uno se sceglie ’u soprannome che chiù ce piace? Addo’ s’è vista maie ’na schifezza ’i chesta? ’U soprannome adda offende… nunn’adda piacè! E’ chiaro?

SR – A ecco! Perciò il soprannome offensivo lo decide la commissione parlamentare ’i Calicaparra.
Gg – E chi sinnò?

SR – …E poi?
Gg – Poi si occupa d’a strunzaggine.

SR – Scusa in che senso?
Gg – Decide ’u livello ’i strunzaggine ’i ’na perzona.

SR – Azz! Questo è interessante. E come funziona?
Gg – Allora… Une po’ esse: ’nu poche strunze, miezze strunze, ’nu piezz’e strunze, ’nu gruosse strunze o ’nu die ’e strunze.

SR – Ah ecco! Quest’ultima categoria però non mi è molto chiara. Me la spieghi?
Gg – ’U die ’e strunze è chillu strunze ch’he voglia a mètte zucchere e RUM, nunn’addiventarrà mai ’nu babà, restarrà sempe strunze… ’nu die ’e strunze!  Chest’è!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.