Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-01 paolo-16 s-04 v2-11 l-01 premiazione-vincenzo-onorato

’Na bella iurnata

Condividi questo articolo

di Rinaldo Fiore

. 

Rinaldo Fiore nasce in un piccolo paese d’Abruzzo, Castiglione Messer Marino (CH) che gli lascia nella memoria, indelebili, emozioni e immagini… il colore dei campi di grano, delle ruvide rocce e delle montagne innevate: forme e colori che riemergono, spogli come i luoghi di origine, nei suoi acquerelli e nelle poesie.
Tale imprinting, unito ad una notevole memoria eidetica, gli permette negli anni della maturità di esprimere in versi e immagini, le sensazioni e i ricordi di quegli anni.

Lui dice: I ricordi d’Abruzzo sono il seme della mia vita, che hanno generato i miei ricordi come sono arrivati ad oggi…
Tra le tante sue poesie, ne abbiamo scelto una (l’unica) in dialetto napoletano; gliene chiediamo l’origine.
Risponde: – Ho vissuto un anno intero  Maiori negli anni dell’infanzia, con la famiglia, appresso a papà che lavorava lì: ho dei ricordi bellissimi che ho poi trasferito nel mio terreno (a Marino –NdR) sotto forma di agrumi e di corbezzoli… Ma per le elementari già ero a Roma e di nuovo mi toccava cambiare ambiente e vita…


’Na bella iurnata


“Che te tenghe ’a dicere:

È ’na bella iurnata,

’na bella iurnata pe’ fa’ l’ammore

o pe’ ricurdasse che è ’sta cosa

che fa tremma’ ’o core

e tutte quanne,

e poi t’adduòrme

comm’e ’nu guaglione…

Condividi questo articolo

1 commento per ’Na bella iurnata

  • Rinaldo Fiore

    Sono quasi imbarazzato nel vedere i miei pensieri scritti e dipinti qui, su Ponzaracconta: sono fondamentalmente una persona timida e questo mio “ardire” per essermi esposto pubblicamente sembra contraddire il mio intimo sentire da “timido”. Ma, d’altra parte, ho scelto di compiere i passi per esibirmi nella platea artistica e letteraria e devo andare avanti…
    I due acquerelli esposti qui fanno parte di una ricca produzione che espongo dal prossimo 10 febbraio durante il carnevale di Venezia a Palazzo Zenobio nella manifestazione d’arte “Arte Walk” (ci saranno 16 miei quadri).
    La storia dei miei acquerelli è la storia della mia vita: montagne innevate, campi dorati, mare incantato, il mio paese dove la neve ricopriva le case fino al primo piano, i campi dorati di grano dove i cardellini intonavano i loro canti d’amore tra le spighe di grano piegate dal vento come onde del mare.
    Poi il mare di Maiori e Ravello impressi nella mia memoria… ho voluto onorare la mia terra, le mie radici, quella mazza di ferro che sull’incudine suonava melodie d’amore da generazioni, il rumore delle scarpe chiodate e il profumo della pasta fatta in casa… Io amo il mio paese, figlio di quella più grande terra d’Italia, una gente
    così creativa ma con grandi sofferenze… io amo!
    Rinaldo al popolo di Ponza e napoletano

    PS – La poesia “’Na bella iurnata” l’ho pensata mentre stavo su un albero d’olivo a tagliare qualche ramo di troppo e in questo frangente ho ricordato una nostra ausiliaria dell’ospedale di Marino (in cui ho lavorato per 30 anni), che spesso usava come intercalare: “che tengo da di’?” e in quella posizione, in una giornata di sole in mezzo ad un centinaio d’olivi ed aria buona, solo una associazione di idea d’amore poteva nascere…

Devi essere collegato per poter inserire un commento.