Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-16_18-58-30 c2-16 l-01 68 7 sl372208

La poesia non ha bandiere

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

 

I giornali di qualche giorno passato che inesorabilmente si accumulano – malgrado tutta la buona volontà di rileggerli a fondo, dopo una prima occhiata sommaria – a volte riservano qualche sorpresa, una seconda occasione…
Così è stato per questo articolo del 31 gennaio, recuperato in extremis e ancora (sempre) attuale.
Buona lettura

Stranieri a scuola
La letteratura che aiuta a vivere

L’arte di insegnare Leopardi agli afgani
Nelle classi serali di Maria Paola Mioni i ragazzi si sono scoperti poeti. “I versi ricuciono le ferite”.
Il sogno di raccoglierli in un libro

di Maria Novella De Luca

«Dolce e chiara è la notte e senza vento…”. La prof. Maria Paola Mioni racconta che forse la scintilla è nata lì, quando uno dei suoi studenti afgani le portò tradotta in lingua pashtu “La sera del dì di festa” di Leopardi.
«Quella poesia l’avevo letta in classe, nel mio corso di italiano per stranieri, davanti a ragazzi e giovani uomini tra i più diversi. Alcuni laureati, altri totalmente analfabeti che faticavano a collegare un suono con un segno. Mentre lo studente recitava Leopardi ad alta voce, in pashtu, nel silenzio assoluto, ho capito quanto fosse importante andare al di là della grammatica e insegnare l’italiano anche attraverso i poeti, gli scrittori, Catullo, Orazio, Pascoli».
Perché la Poesia forse non può salvare il mondo, ma può renderlo migliore. Ricucire ferite. Dare voce alla nostalgia che strazia il cuore.

Quella stessi che nei loro versi descrivono Hedayatullah, Chagatay, Agha, Kakar Fateh, in fuga dalle persecuzioni dei talebani e approdati nel nostro paese dopo mille sofferenze.

Un gruppo di giovani afgani rifugiati, che durante il corso di lingua della professoressa Mioni, docente volontaria all’Ics di Trieste (Consorzio italiano di solidarietà) hanno scoperto lo straordinario balsamo di scrivere poesie. Un corto circuito positivo di culture, linguaggi, sentimenti, di quando l’integrazione è qualcosa di assai più vasto della sopravvivenza.

E Maria Paola Mioni, 71 anni, veneziana, una vita nella scuola pubblica, docente di Italiano e Storia all’istituto tecnico “Carli” di Trieste, poi alle scuole serali, infine, una volta in pensione, maestra di italiano per gli stranieri, quelle loro poesie ha deciso di raccoglierle e farle conoscere.
«Perché sono documenti, testimonianze preziose. A volte anche con un valore letterario».
Scrive Chagatay, 23 anni, madrelingua pashtu, oggi pizzaiolo a Parma: “Ho chiesto alla montagna: cos’è l’amore? Ha tremato. Ho chiesto alle farfalle: Cos’è l’amore? Hanno sbattuto le ali. Ho chiesto agli uomini: Cos’è l’amore? Nei loro occhi è apparsa una lacrima”.

«Sono laureata in Filosofia — ricorda Maria Paola — ho vissuto il Sessantotto, ho fatto la scelta politica di non insegnare nei licei.
Volevo far conoscere la letteratura anche a chi non avrebbe fatto l’università, a chi sarebbe andato a lavorare, perché la cultura deve arrivare a tutti, al di là del censo. E ho avuto enormi soddisfazioni, prima della crisi chi usciva dalle scuole serali riusciva a trovare un impiego, oggi è difficilissimo».

Nel 2009 Maria Paola Mioni, marito prof. universitario, due figli più un ragazzo down in affido, è andata in pensione. «Ma l’unica cosa che so fare è insegnare, mi sono offerta per i corsi di italiano agli stranieri». E ho scoperto un mondo».
I suoi allievi arrivano quasi tutti dal Nord Est dell’Afghanistan, dove la guerra non è mai finita. Anni per approdare in Italia, dal Pakistan all’Iran dalla Turchia in Italia, lasciando in patria madri, mogli, sorelle, fidanzate. Un’odissea già raccontata da un altro giovane profugo afgano, Enaiatollah Akbari, diventata un romanzo successo “Nel mare ci sono i coccodrilli” scritto da Fabio Geda.

La prof Mioni legge in classe Catullo: “Viviamo, mia Lesbia, e amiamo…”. E poi Leopardi, Lorenzo il Magnifico. “Quant’è bella giovinezza…”. Frasi celeberrime e musicali, alle quali a sorpresa gli allievi afgani rispondono portando poesie nei loro idiomi.
Hedayatullah Saberjo, che oggi in Italia fa il sarto, ha 32 anni e scrive in Dari:
“Non c’era al mondo città regale come Kabul. Non c’era al mondo un nome bello come Kabul (…) Se non c’era Kabul non nasceva un inno dal cuore”.

L’amore, la nostalgia, il desiderio.
Kakar Fateh Mohammad, 23 anni: “Ricordo le notti d’estate a Koduz (…)Una sera mostro sorpreso alla nonna/ quelle due stelle vicine: /(…)/Una stella è luminosa/ l’altra a me sembra stanca/(…) La nonna mi prende per mano:/Ancora non sa, la stella che brilla,/che mio fratello è partito…

La voglia di pace, scrive, in Urdu, Agha Meesam Alì:
“Se qualcuno ci lasciasse soltanto vivere…”. Se ci fosse più pace e tranquillità/se qualcuno ci lasciasse soltanto vivere (…)/Tu non sei a conoscenza/ in che condizioni/ci siamo visti mancare/ la nostra terra dai nostri occhi/ lasciando i nostri genitori e figli

«Sentite che bellezza? E che orgoglio?
È per questo che continuerò a insegnare — confessa Maria Paola Mioni — fino a che mi reggerà il cuore».

Il personaggio
Laureata in filosofia, ha preferito gli istituti tecnici.
Maria Paola Mioni, veneziana, 71 anni, due figli più un ragazzo down in affido, e laureata in filosofia e ha un marito professore universitario; per scelta si è sempre dedicata a coloro che dopo le superiori non andranno all’università.

[Da la Repubblica del 31 gennaio 2018; pag. 23]

Condividi questo articolo

1 commento per La poesia non ha bandiere

  • Sandro Russo

    Potrebbe servire, questo articolo – se ce ne fosse bisogno – a confermare la presenza “negli altri” di una sensibilità almeno pari alla nostra; quel minimo di affinità con noi da impedire almeno di sparare loro addosso, nel mucchio.
    Purtroppo quelli che sanno solo odiare e sparare non lo leggeranno mai: sono due mondi che non si toccano.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.