Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0003-003 foto-04 83a corrida15 veduta-1 sl372237

La preferenza

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica

.

Affrontare l’argomento “elezioni” diventa sempre più arduo a causa della sfiducia, purtroppo crescente, del popolo verso la politica. Ciò spesso è dovuto anche al “distacco” dell’eletto dal territorio che deve (o dovrebbe) rappresentare, specie quando l’elezione avviene con le famigerate “liste bloccate”. Fortunatamente per quanto riguarda le elezioni regionali, si può esprimere il voto di preferenza che “lega” l’eletto ai suoi elettori e, quindi, al territorio.

Per quanto ci riguarda più da vicino e mi riferisco alle nostre isole ponziane, un candidato di riferimento per fortuna lo abbiamo. E’ Gennaro Di Fazio, stimatissimo medico anestesista con funzioni di primario presso l’Ospedale Dono Svizzero di Formia.
Conosco molto bene l’amico Gennaro. Come lui stesso ha ricordato, è stato in amministrazione con me quale assessore alla Sanità. Svolse il suo mandato con un entusiasmo e una preparazione encomiabili e lo stesso entusiasmo e preparazione le ho notate recentemente nelle varie riunioni di lavoro tra amministratori e delegati esterni (io sono tra questi ultimi) dell’Amministrazione Ferraiuolo.
Mi fa piacere che goda la simpatia e la stima anche da parte di numerosi militanti di altri gruppi politici, tanto è vero, come ho letto sui “social”, che fruirà in diversi casi del “voto disgiunto”: la preferenza a lui e il voto di lista ad un altro schieramento politico. Ciò significa che l’elettore cerca disperatamente il proprio referente a livello territoriale, proprio perché la politica deve essere intesa come servizio.
E’ logico che una volta eletto, il consigliere regionale deve costantemente rapportarsi con gli amministratori locali per recepirne le urgenze e le necessità. Con Gennaro questo “filo diretto” con la Regione si può e si deve senz’altro ripristinare in modo attivo e fattivo, come avveniva ai tempi dell’indimenticabile Gabriele Panizzi.

Il candidato Di Fazio può essere votato solo nel collegio di Latina. Molti sono gli isolani e i tanti estimatori ai quali stanno a cuore le sorti delle isole, che hanno fissato la residenza in altre province del Lazio e che non potranno dare la preferenza a Di Fazio.

Ebbene di candidati in altri collegi che frequentano Ponza e Ventotene ce ne saranno. Io mi limito ad indicarne uno che conosco di persona, frequentatore assiduo da decenni di Ponza e Ventotene: il giornalista Carlo Picozza di Repubblica, a capo della lista “Per Zingaretti” nel Collegio di Roma.
Ha scritto per Repubblica numerosi articoli che riguardano il nostro arcipelago, ne conosce a fondo i problemi e sono convinto che, una volta eletto, stabilirà assieme a Gennaro un “filo diretto” con le nostre comunità, in merito ai vari problemi sul tappeto: dalla portualità ai collegamenti marittimi, alla sanità, allo spopolamento, al famigerato PAI che ha rinchiuso Ponza in una gabbia, tanto per citare i più pressanti.
La preferenza a Carlo Picozza potrà essere espressa a Roma e Provincia.

Per concludere, non dobbiamo smettere di avere fiducia nella politica e soprattutto nell’arma del voto, su cui si regge in gran parte la nostra vita democratica. Con il voto di preferenza diamo un segnale significativo a chi di dovere, all’Amministrazione Regionale in primis, perché le isole Ponziane, fiore all’occhiello della Regione Lazio, non possono e non devono essere trascurate e dimenticate.

 

Immagine di copertina. Jacques-Louis David, Giuramento della Pallacorda, 1791

Condividi questo articolo

3 commenti per La preferenza

  • Luisa Guarino

    Hai ragione, caro Silverio, non dobbiamo e non possiamo smettere di avere fiducia nella politica: la politica infatti non e’ un concetto astratto, siamo noi stessi, siamo quanto diciamo, pensiamo e facciamo nella vita di tutti i giorni. Colgo l’occasione per tornare su quanto ha scritto di recente su questo sito Biagio Vitiello, esprimendo un concetto non solo inutile ma anche dannoso. Se c’e’ infatti un “partito” che non ha bisogno di propaganda e’ proprio quello degli assenteisti, che rinunciano ad esprimere un diritto/dovere imprescindibile. Per fortuna ne’ Ponzaracconta ne’ Biagio sono e saranno l’ago della bilancia. Ma la preoccupazione, lo sappiamo tutti, e’ molto forte. Non resta, da ottimisti irriducibili, che sperare che la maggior parte degli elettori sia migliore di quel che dice di essere.

  • Gennaro Di Fazio

    Grazie per gli encomi e per la fiducia. Dovessi essere eletto in Regione, farò di tutto per essere all’altezza del compito che svolgerò con il mio solito entusiasmo e disponibilità.

    Gennaro Di Fazio

  • silverio lamonica1

    Ricevo da CARLO PICOZZA

    “Grazie Silverio, grazie di cuore per le tue parole che donano forza e sprint in una fase certamente poco esaltante.
    Perciò, ricordando impegni e battaglie comuni per la difesa e la valorizzazione del patrimonio culturale e umano del nostro arcipelago, brindo simbolicamente con te e i nostri concittadini a nuove avventure che affronteremo insieme con spirito e tenacia antichi”

Devi essere collegato per poter inserire un commento.