Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0004-004 if vdp-03 30 75 Immagini storiche di Ponza

La poltrona del dialetto. Soffermiamoci a sognare

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca


.

Chialiuna

 

‘A luna state cantanno?

Ma addu nuie nun c’è ghiuorno dell’anno

ca ‘nce vase ‘nfronte ‘a sera,

manco fossemo i frate cchiù sincere.

Tene nu posto preferito

addò si iate, sicuro ‘a vedite.

E’ ‘na spiaggia chiara, longa,

tagliata ind’ a muntagna comme ‘na conca.

‘U mare azzurro ‘a bagna

e le fa da cumpagna.

‘A luna esce ind’ u cielo

e se cunnelea

comme fosse ‘mbraccio a’ mamma soia.

‘Nu chiarore se spanne attuorno

ca pare iuorno.

I prete ianche s’ arapeno a ‘sta luce

e cu ll’onne rireno doce doce,

furmanno ‘nu paraviso p’i nnamurate.

Si ce iate, ve n’addunate,

A Chialiuna l’ammore nse cuntrolla

e si ‘a uagliona sta teseca, ‘ns’ammolla,

dopo ‘nu poco, a chillu panorama,

è essa propete ca votte i mmane.

Comme è bella ‘a spiaggia lucente

ind’ a notte d’ argiento;

l’ onne iocano c’a luce d’a luna

e tutt’ u munno pare ca llà s’auna.

 

 

[Dalla raccolta: All’anema ‘i Ponza – Edizioni Odisseo – 1981]

 

Questa la versione recitata (in caso di difficoltà, aprire con il lettore universale VLC)

Chialiuna

 

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.