Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c-01 u-05 ernesto-b k2-13 k2-9 8

Dio vi salve, o Regina

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

Vi invito a seguirmi.
Allontaniamoci da questa cappa fredda che ci avvolge in modo impietoso e portiamoci in una dimensione che ci dia piacere.

La sera estiva scendeva tardi e nella grariata che porta alla ‘loggia del giudicato’ le nostre madri avevano messo impegno a recitare la quindicina alla Madonna.
Ci raccoglieva tutti l’immagine della Madonna del Carmine, la cui ricorrenza era imminente.

Stavamo accoccolati sui gradini: zia Olimpia, zia Lucia, zia Veruccella, zia Angelina, anche Ferminia partecipava. E noi, figli e nipoti.
I rosari si sgranavano lievemente.

Nel cielo il colore dell’estate, tenue e vivido. Confacente con la smorta lampadina e… meno male che Luigi aveva rabberciato una acconciatura festosa all’edicoletta, impressa nel muro.
Poi si levava un canto, insinuante, appiccicoso. Questo:

Dio vi salve Regina
È madre universale
Per cui favor si sale
Al paradiso.

Voi siete gioia e riso
Di tutti gli sconsolati
Di tutti i tribolati
Unica speme.

A voi sospira e geme
Il nostro afflitto core
In un mare di dolore
E d’amarezza.

Maria, madre di dolcezza
I vostri occhi pietosi
Materni ed amorosi
A noi volgete.

Noi miseri accogliete
Nel vostro santo velo
Il vostro figlio in cielo
A noi mostrate.

Gradite ed ascoltate
O vergine Maria
Dolce clemente e pia
Gli affetti nostri.

Voi dai nemici nostri
A noi date vittoria
E poi l’eterna gloria
In paradiso. 

E poi l’immagine di noi uomini tribolati, ovvero oggetto di tribolazioni, mi ha suscitato sempre moti d’animo.
Quando la coscienza adulta l’ha investita di attenzione ha trovato criticità. Ad esempio nella frase: ‘Dio vi salvi o Regina’. La scrittura corretta è “Dio vi salve o Regina”, ovvero “Dio vi saluta o Regina”. La salvazione della Madonna era fuori ogni discussione.

E la dizione dialettale, così intrigante e unica e nostra!
Nostra? Macché.

Un giorno su YouTube mi imbatto nel complesso musicale I Muvrini (i piccoli dei mufloni, in lingua corsa). Un misto di voci e di armonie inconsuete. Selvatiche.
Hanno nel repertorio ‘Dio vi salve o Regina’. E non possono non averla perché il canto è l’inno nazionale della Corsica (1735) in urto con ‘la Marsigliese’ di marca francese.

Sono rimasto senza parola. Ma poi ho ricomposto il mosaico. Tutto il Mediterraneo è un campo in cui ogni coltivazione si integra con le altre, e i frutti trasmigrano liberi.
Non un campo di sepoltura.

Da YouTube: Dio vi salve o Regina – I Muvrini

.

.

 

Condividi questo articolo

3 commenti per Dio vi salve, o Regina

  • Giovanni Conte di Silvano

    La melodia di questo brano mi riporta alla mente l’inno di San Giuseppe (Dio ti Salvi, o Giuseppe)

  • Francesco De Luca

    Caro Giovannino,
    la redazione ha proposto la versione più sofisticata (con 500 coristi). Se ascolti quella ruspante (su youtube ce ne sono diverse) la sentirai più vicina. E se poi scomodi tua madre, Maria, ti dirà di come la si cantava noi, sotto le nicchiette votive.
    Melodia popolare, paesana, direi quasi familiare. Poche note, due o tre accordi che si ancorano nl cuore e non si strappano via, mai più.

  • Giovanni Conte di Silvano

    Dopo aver ascoltato qualche versione su YouTube, per curiosità mi sono scaricato lo spartito: sulle note di questo antico inno alla Madonna si canta l’inno di San Giuseppe (Dio ti salvi, o Giuseppe)

Devi essere collegato per poter inserire un commento.