Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0002-002 sbb v2-24 40 59 71

Il nuovo messia

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ho saputo che ieri hai fatto uno show mai visto al bar ma non mi hanno saputo spiegare perché eri così incazzato.
Giggino – E pe’ forza, ’a gente accapisce sule chelle ca ce cunviene, quann’u discorzo è scommodo nunn’ accapisce… o nun vo’ accapi’?

SR – A sì? Hai fatto un discorso scomodo?
Gg – Essì, i’ faccie sempe discorsi scommodi, perché i’ songh’io… e all’ate nun so’ ’nu cazze. E’ chiaro?

SR – Altroché! Questa sì che è alta filosofia. E qual era l’oggetto del contendere?
Gg – Nessun oggetto, i’ nun ne saccie niente, degli oggetti vostri. Nunn’accummenciamme a da’ colpe che nun tenghe: non piglio oggetti ’i nisciuno e nun songhe mariuolo. Io ho solo detto la mia sugli immigrati.

SR – Ah bene, vedo che questa gravosa questione nazionale ha toccato anche te.
Gg – E certamente! Che ssò tutte ’sti crestiane che venene i Forne? Se stessene a’ cas’alloro, iessene ’nda piazza alloro. Ognuno se facess’i piazz’ soie. Ccà già simme troppe! E’ chiaro?

SR – Giggi’, ma con chi ce l’hai? Non mi pare che qua ci siano immigrati. Non ne vedo.
Gg – A no? E tutt’i portolani, i giancussane, i scottesi e i santamariuoli che so’?

SR – Ma che dici? Quelli sono ponzesi come me e te.
Gg – Comme e mme nun creto propio! Sono immigrati isolani e basta. So’ diversi ’a me.

SR – Giggi’ io non li vedo così diversi da te e poi devi capire che seppure fosse, la diversità è ricchezza.
Gg – Ma quanne mai!? Ccà ’a diversità si chiamma ricchiunaggine e ’a ricchezza sta ’a ’n’ata parte.

SR – Secondo me tu hai un po’ di confusione in testa e sei pure omofobo.
Gg – Non accumenciamme a dice farzità! Io mi songhe vaccinato insieme a ’u cane mio e non songh’ indrofobo.

SR – Ma perché tutto quest’odio? Che ti hanno fatto i tuoi paesani?
Gg – Che m’hanno fatte? Tanto pe’ accummencia’, hanno fatto scappare il nuovo messia. E mo’ so cazze! ’U pagarranno caro assaie, questo affronto.

SR – Qua il discorso si fa complicato ma molto interessante. Giggi’ chi sarebbe ’sto messia e chi lo avrebbe fatto scappare?
Gg – Gli amici tuoi portolani e gli amici degli amici tuoi rosso-verde lo hanno trattato comme si fosse ’nu fetente ’i merda. Siete degli alfabeti, cafoni e pure votabandiera.

SR – Ma è delle Forna?
Gg – Uggesù! ’Nu messia po’ esse mai d’i Fforne? I Fforne tenimme sule profeti che nunn’azzeccheno maie una. ’U messia adda esse pe’ forza frastiere!

SR – Incredibile. Sei razzista con i tuoi paesani e poi accogli come un messia un forestiero!? Mah!
Gg – E ’i che t’ammaravigli? Nui amamme i frastieri! Lo sanno tutti! Tu sei imbastardito e nun puo’ capi’ cierti cose così importanti e raffinate.

SR – Cosa dovrei capire? Che ti ha promesso questo messia per farti perdere così tanto la testa?
Gg – Cose concrete ’uagliò, cose concrete. E stai in tempo a convertirti pure tu. Pensaci, presto ritornerà.

SR – Addirittura? Mi devo pure convertire? E cosa prometterebbe ’sto messia? Sentiamo, dai!
Gg – Quando lui ritornerà per ricompensare i veri credenti, ci porterà in un’isola Paraviso fatta ’i cupertune usati, addo’ d’i rubbinetti esce acqua distillata e rum, addo’ ci stanno porti d’oro, ’a currente elettrica nun se paga, i castagne so’ grosse tanto e addo’ ci stanno sule casette ’i legno cu’ i cessi ’i plastica a pagamento. E là ci saranno solo presepi laici.

SR – Presepi laici?
Gg – Uggesù! È o non è il nuovo messia? E allora ’ndu presepio ci adda sta’ sule isse. ’U ddice pure ’u prevete! 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.