Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

f-b pdp p-04 corrida6 sl372230 Idrozoi in grotta

Le isole del Mediterraneo

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

 

Qui di seguito la breve recensione comparsa su la Repubblica “Robinson” di domenica scorsa, 10 dicembre.
È la seconda volta che parliamo di questo libro (leggi qui) e a questo punto c’è quasi l’obbligo di comprarlo e leggerlo. Siano quindi preparati i nostri lettori a leggerne anche una terza, appena possibile…

Sull’isola che non c’è
di Federico Pace 

La rappresentazione cartografica in questi ultimi anni ha percorso con successo strade inattese. A partire dal sublime Atlante delle isole remote di Judith Schalansky pubblicato in Italia a novembre del 2013 (sul sito leggi qui e qui).
Figlio di questo filone è anche l’ultima pubblicazione di Simone Perotti Atlante delle isole del Mediterraneo.

Itaca, Djerba, Montecristo e Lampedusa. I nomi da soli sono già capaci di evocare storie che ci appartengono nel profondo. Il viaggio di Perotti comincia da Nueva Tabarca nel Mar delle Baleari e termina a Kemmuna nel Canale di Sicilia.

“Le isole del Mediterraneo — scrive Perotti — sono nascondigli, anfratti occulti al correre del tempo, luoghi dell’anonimato, della contumacia, dell’invisibilità. Ma anche approdi contesi, su cui fondare repubbliche dei desideri.
O teatro di azioni umane inimitabili, isole dove vivono mostri, isole-tomba, isole natali degli dei, isole della speranza, dell’esilio, dove ricominciare, o dell’anarchia, dove vivere al di fuori dell’assurdo”.

Perotti ha avvicinato, vissuto e poi lasciato le isole del Mare nostrum. Attraverso l’esperienza diretta, ha cercato di farle proprie e comprenderle. Le ha cercate con approdi portati a termine con “la fatica della vela” e le ha lasciate con delle fughe, anche se non avrebbe voluto “abbandonarle mai più”.

Il viaggio però non assicura mai, né alcuna conoscenza certa, né la possibilità di riuscire a raccontare poi, con precisione, quel che si è visto. Elusive e inafferrabili, le isole si sottraggono ancora di più alla possibilità di essere descritte in maniera definitiva.
Perotti così sceglie di narrare le isole, quasi rinunciando all’esperienza, attraverso storie, evocazioni e rimandi.
Alcune, più riuscite e limpide, altre meno chiare e comprensibili.

Come le isole stesse di cui narra. I segni tracciati da Marco Zung, per la composizione delle carte, arricchiscono il libro e invitano a immaginare la natura di quelle escrescenze di terra.

Titolo: Atlante delle isole del Mediterraneo
Autore: Simone Perotti
Editore: Bompiani
Prezzo: 25 euro, pagine: 144
Illustratore: Marco Zung

Da la Repubblica “Robinson” del 10 dic. 2017

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.