Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0039-039 i-05 aragoste sl372206 Immagini storiche di Ponza L'ingresso pricipale delle grotte di Pilato presso il porto

Retunne & politica

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Sient’ammè! Tu ca saie quase tutte cose… è vero che a maggio se va a vuta’ n’ata vota? I’ che palle!
Sang’ ’i Retunne – Sono quattro anni che non si vota, perché dici n’ata vota?

Gg – Quatt’anne? …Chille mo’ avimme vutate! Qua’ quatt’anne? Ma che te si’ scemunite?
SR – Giggi’, le prossime non sono elezioni comunali, sono politiche.

Gg – Aah! …no a ’u comune nuoste!? E addò se va a vuta’? …a Vientutene? Là ce stanne ’i nemmiccule bbone!
SR – Mamma mia Giggi’, ma che cazze c’entra mo’ Ventotene?

Gg – Si’ state tu a dice ca nun se vota a ’u comune nuoste, o no? E si i’ aggia sceglie n’atu cumune pe’ ghi a vuta’, preferisco Vientutene. È chiaro?
SR – Giggi’ …non si va a votare per il sindaco, ma per le politiche.

Gg – A sì? …p’u sinneche no?
SR – E no! Abbiamo già votato. Mo’ tocca alle politiche.

Gg – Pecché, ’u sinneche è apolitico? …comme ’u prèvete?
SR – Giggi’, si fa questa differenza per distinguere le elezioni comunali da quelle politiche. Ma a quanto pare con te non ha funzionato.

Gg – Eccerto! …ma si’ tu ca nun te saie spiega’! Si’ ’nu ciuccie, p’i spiegazzione!
SR – E mo’ accussì va a furni’!

Gg – …E tu pe’ chi vute?
SR – Il voto e segreto.

Gg – See see… ’u segreto ’i Pullecenella.
SR – Che vuoi dire?

Gg – I’ ’u ssaccie che vute tu! …pe’ ’nu partite miezze russe e miezze verde.
SR – Sì, sì..! …pe’ ’na pummatora. Dimmi il tuo, dai..!

Gg – I’ nun vote.
SR – Come non voti? È un tuo diritto-dovere votare!

Gg – …E nun ce sta ’u partite mie! Ch’aggia vuta’?
SR – Scusa, perché quale sarebbe il partito tuo?

Gg – Si nun ce sta che te diche? Nun ce sta e basta!
SR – Non è mai esistito?

Gg – Azzoché! ’Na vota esisteva. Mo’ l’hanno rottamato.
SR – E come si chiamava?

Gg – E nun m’arricordo! ’Nd’u stemma teneve, me pare, ’n’accetta cu’ tutte pennecille attaccate cu’ ’na cimma.
SR – Giggi’, ma che cazze dici? Chiste è ’nu fascio?

Gg – ’I che?
SR – Giggi’, faie buone! Non andare a votare. Lascia perdere.

Gg – Cosa?
SR – ’U fasce.

Gg – ’I che?
SR – ’I pennecille.

Gg – Dice tu..!? Invece me servesse propiete ’nu belle fasce ’i pennecille.
SR – Giggi’, il fascio è vietato. T’arrestene! E po’ nun se po’ appiccia’! Faie troppe fumme!

Gg – Uggesù, e i’ comm’i ’rroste i castagne abbasci’a’ marina anzieme a “i fratelli di taglia” e a’ cummarella mia?
SR – Fatti un fornellino marca “MIS di taglia” e lascia stare i fasci, che ti metti nei guai.

Gg – ’Uagliò, ma a me servesse ’na bella fiamma alta: ’u ggas d’u MIS ’i taglia nunn’abbasta… è poca robba!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.