Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-04 30-07-2005-19-32-10_0004 c-0 q-01 3 35

Quando suona la campana

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Assunti’, Giggino oggi non è sceso al bar, ma sta buono?
Assuntina – ’U grappino se l’he fatto ’ngoppe, ’u signurino… è già d’i cinche che canta.

SR – A sì? Non lo hai fatto scendere?
As – Chi,  io? Meschin’a mme. È isso che tene ’a che ffa’ ’nda terra. Saccie i muorte suoie che sta cumbinanne cu’ tavule, pale e chiuove.

SR – Aheee! Qualche altro casino starà organizzando.
As – E va’ a vedere tu, va’! Si vede a me addeventa cumm’e ’nu pazzo.

Poco dopo

SR – Ueee Giggi’, che fai di bello?
Giggino – Ueee strunze! Sarranne pure cazz’ d’i mieie! O no?

SR – Che gentilezza, che classe, non ti smentisci mai. Unico!
Gg – Ecco! Allora te ne può gghi’!

SR – Sì, sì… me ne vado, ma non prima che tu non mi abbia spiegato che cazze staie facenne. Me pare ’a Torre Eiffel.
Gg – I felle t’i mangiarraie tu!! Chesta è ’na ’mpalcatura p’agguantà ’na campana.

SR – Giggi’, una campana? Stai costruendo un campanile?
Gg – Sì sì! Propetamente ’nu campanario!

SR – Uggesù!!! Chiste è ’sciute sceme! …E ’a chiesa?
Gg – Ma quala chiesa? Pecché sule ’u prevete po’ sunà i campane? Dimm’ ’a legge! Diciammell’a mme!

SR – Non c’è una legge. Non mi pare.
Gg – E allora io metto ’a campana e ’a sone quande cazze me pare e piace a mme. È chiaro?

SR – Ma la gente te piglierà pe’ sceme. Che cosa è mai questa?
Gg – A me d’a ggente nun me ne fotte niente! Si ’u prevete po’ sunà quanne vo’ isso, pur’io sone. È chiaro?

SR – A me sembra un’impuntatura sciocca. E poi per quali occasioni ti metteresti a suonare? Mica fai le funzioni religiose?
Gg – Pecché ce sta cocche ordinanziamento che dice che i campane se ponne suna’ sule quand’u prevete dice ’a messa?

SR – Non mi pare.
Gg – E allora i’ sone ’a campanaaa… quanne cagne ’u tiempe, quanne vence ’u Napule, quanne arrive ’u vapore, quanne Assuntina se fa i cazze suoie… e ogne vote che me pare. E’ chiaro? E mo’ vavattenne! Lasciami lavorare in pace sinnò nunn’a fernesche pe’ dummeneca…. e comme faccie a risponne a ’u prevete a colp’i campana?

Qualche giorno dopo

SR – Giggi’, ho visto che poi non hai ultimato la costruzione del campanile. Ti sei convinto che era una stronzata?
Gg – Ma qua’ strunzata? M’aggie accurdate cu’ prevete.

SR – Addirittura! E in che modo?
Gg – Ogni volta ch’aggie bisogno ’i suna’, isso m’u ffa fa’ cu’ ’i campane soie!

SR – Incredibile! …Pur di non avere concorrenti!
Gg – See se… ’u prevete vo’ ’na cascètt’i retunne e ’na butteglie ’i rumme… ogni scampaniata..!


Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.