Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0006-006 2009-07-21_18-53-53 d-05 lamonica-05 106 giovanni-darco-1973

’U cane ’i duie padrune

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Cos’e pazze! ’Ngopp’ a ’stu scoglie si è superata ogni credenzialità. E mo’ basta!
Sang’ ’i Retunne – Non si dice proprio così, ma si è capito.

Gg – E si tu he capito è meglio pe’ te. E’ chiaro?
SR – E perché secondo te si è giunti a questo?

Gg – Secondo me è ’u studio che arruzzenesce ’a cape d’i cristiani. Stanne addiventanne tutte ’gnurante c’a laura.
SR – Sì sì… c’a cammumilla!

Gg – Te faccio ’n’esempio. Ie mo’, secondo te ch’he stutiato, nun so’ patrone ’i esse amico ’i chi me pare? Si o no? Rispunn’a me!
SR – Come no? E’ un diritto di ognuno di noi scegliersi le amicizie che ritiene più congeniali.

Gg – E vancell’ a dicere a chiullu strunze ’i Girotto. Aiére m’ha fatte ’na piazzata pecché aggio fatt’ ’a testimone a ze Veruccio ’nda causa contr’a isso.
SR – A sì?! Ma scusa, se non ricordo male… non avevi fatto da testimone nella stessa causa, però pe’ Girotto contro a ze Veruccie?

Gg – Essì! Chille me so’ amiche tutt’e duie. A me che me ne fotte che stanno appiccicate. A me nun m’hanne fatte niente. Me servene tutt’e duie.
SR – Giggi’, nun se po’ fa! Non va bene!

Gg – Mo’ pure tu? E chi ’u dice?
SR – Uggesù! Prima di tutto non è corretto. E poi è la legge che lo vieta. Nella stessa causa se fai da testimone per uno non lo puoi fare anche per l’altro. E’ chiaro?

Gg – E chi ’u decide chell’ che è o non è corretto, ’ngopp’a ’sti scoglie? Me pare che cca ognune fa comme cazze le pare!
SR – Giggi’, tu puoi essere amico di chi ti pare, ma in questo caso l’amicizia non conta. A legge è legge!

Gg – E allora che dovrei fare secondo la tua legge?
SR – Secondo “la legge” – che non è solo mia, ma anche la tua – dovresti fare da testimone ad uno solo dei due. Devi scegliere. Decidi tu.

Gg – Ma accussì scuntente a chill’ate! Che legge ’i guerra è chesta ccà? È ’nu schifo!
SR – Giggi’ non è una legge di guerra, ma una regola di civiltà. A uno devi servire. Anche nella legge di natura non puoi avere due padroni. Uno è!

Gg – Allora è meglio essere cani. Loro tenene ’a legge megli’assaie d’a nosta.
SR – A sì? E perché?

Gg – ’U cane mie mangie addu sinneche ’i mo’ e fotte addu chill’ ’i primme.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.