Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-32 30-07-2005-19-36-46_0007 f8-18a 66 91 dramatherapy-dancing-boat

La contemplazione del nulla

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Assuntina – Tu che sei più vicino a Giggino, cerca di sapere che tene ’a che ffa’ tutt’i iuorne abbasce i scoglie..!
Sang’ ’i Retunne – Scusa, ma perché non lo segui e vedi cosa combina? Così resta una cosa tra voi due. Tu sai comm’è fatto tuo marito, basta poco che va a furni’ a schifio.

As – Eh bello a isse!! L’ho già fatto.
SR – A sì? Già lo hai fatto? E cosa hai visto?

As – Allora! Se soss’ ’i notte, se veste e scenne a basci’o mare e s’arretira a’ sera.
SR – E questo si era capito. E cosa fa abbasci’o mare?

As – Niente! A basci’o mare nun fa niente! Guarde all’orizzonte.
SR – Pensa?

As – Non credo! Chille n’ha mai penzate, mo’ s’e misse a penza’ tutt’ ’na vota? Noooo, nunn’è cosa soia.
SR – Addirittura non ha questa possibilità? È comme ’n’animale?

As – È pure peggio! Almeno a ’nu cane si ’u llucche nunn’u fa chiù ’u maleservizie. Chille si ‘u llucche t’arranca! ’Nzia maie! Lè lèe..!
SR – Domani metto la sveglia e cercherò di capire… La cosa incuriosisce anche me.

All’alba del giorno dopo

Sang’ ’i Retunne – Ueeee Giggi’… e che fai di bello qua giù?
Giggino – E mo’ me vulisse fa’ accredere che si’ capitate pe’ case acca bascie i cinche ’a matina?

SR – Perché, no?
Gg – ’Uagliò, i’ so’ gnorante, nun so’ sceme! È chiaro?

SR – Altroché! Chiarissimo!
Gg – E allora comme si’ venute, vavattenne!

SR – Sì sì me ne vado, ma tu prima dimmi che cosa fai quaggiù tutti i giorni.
Gg – Io? …Contemplo!

SR – A sì? Mo’ te si’ ’mbarate n’ata parola ?
Gg – Sarranne pure cazze d’i mieie, sì o no?

SR – E cosa contempli?
Gg – Niente, io contemplo niente.

SR – Allora non contempli?
Gg – Uvvi’ che si’ sceme? Non ho detto che non contemplo, ma che non contemplo niente.

SR – Credo di aver capito. Tu “contempli il nulla”. Tipo fachiro.
Gg – Ce sarai tu e tutt’a razza toia.

SR – E perché ti sei dato a questa contemplazione orientale?
Gg – Pecché me dà tanti soddisfazzione.

SR – A sì? E dimmene una.
Gg – Io stonghe là e pe’ tramente coccosa succede.

SR – Pure filosofo mo’. E dimmi… cosa succederebbe?
Gg – Mentre io medesimamente “contemplo il nulla”, io guadambio.

SR – A sì? Se non fai nulla come fai a guadagnare?
Gg – Io guadambio solo con la prisenza e pensando al nulla.

SR – Mamma miaa! Giggi’, ma che so tutti sti lenze? Hai fatto uno sbarramento di ami. Adesso ho capito che combini qua giù. Mi ero illuso su una tua crisi trascendentale, e invece..!
Gg – Invece che? Fatt’i fatte tuoi. Cca nun se fa niente pe’ senza niente e pure quante nun fai niente, coccose ’i sode l’he fa! E’ chiaro? Chest’è!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.