Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_14-01-48 u-28 l-11 105 55 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

La poltrona del dialetto (26). ‘U fauzone

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 


Sarei tentato, per carità paesana, di dire che ‘tipi’ come nella descrizione che segue non appartengono alla nostra comunità, ma onestà mi impone di affermare che, al contrario, individui simili ci sono accanto. Si camuffano e vestono abiti morali che nascondono le vere fattezze.

 

 

‘U fauzone

Chi s’aspettava na cosa comme chesta ?

Ind’ a chiesa sempe in primma fila,

ogne dummeneca ‘a cummunione

comme na cambiale.

Niente bar, niente cumpagnie strane,

casa e chiesa,

senza ‘i vizzie d’i paisane.

Sulo ‘i fatte suoie:

niente spercie ‘a sotto,

niente trase ‘a coppe.

Chiuso e muto,

senza sfogo,

nu perfetto bezzuoghe.

Chi ce sta vecino

è disgrazziato,

chi è luntano

è scurdato.

Sicco, luongo, allampanato,

cchiù viecchio ‘i chello ca mosta.

E’ nu fauzone,

ca tene ‘a faccia tosta

‘i se presentà

comme omme per bene.

Nun tene l’onestà

‘i esse comme ‘a mamma ha fatto.

‘U fauzone

annanze te dà sempe raggione

e arrete

attacca ‘u ciuccio

addo dice ‘u padrone.

Questa la versione recitata

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.