Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0025-025 k1-15a k2-24 v3-13a 21 33

Brutti mariuoli!

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Che paese è addiventate chisto?? Nun ce sta cchiù religgione. È ’nu schifo e bbasta!
Sang’ ’i Retunne – Ahè Giggi’, he cummenciato bbuon’ ’a iurnata! Già stai ’ngazzato a chest’ora?

Gg – I tuoi paesani so’ ’na massima ’i mariuoli delinquenti. Chest’è!
SR – I miei paesani… che poi sarebbero anche i tuoi?

Gg – No, nooo! …so’ sule i tuoie! Cca ce stanne doie popolazzioni. Chella mia e chella toia.
SR – Ogni tanto te ne esci con qualche novità… E sentiamo, perché i miei paesani sarebbero delinquenti?

Gg – Dich’ io, ’nu povere criste fatica ’nu mese a’ staggione, tene diritto o no ’i se fa cocche iuorn’i svago?
SR – Giggi’, qualche giorno? Ti metti in ferie a settembre e ci rivediamo ad agosto… se tutto va bene!

Gg – Evvabbuò, stai a ’uarda’ ’u pile mo’!
SR – Allora, cosa ti è capitato?

Gg – E ricominciamo… uno dopp’ ’nu mese ’i fatica tene diritto o no a ùnnece mise ’i ferie?
SR – Lasciamme sta! Continua, su!

Gg – Allora, mi sono organizzato pe’ ghi’ a caccia a marevizze.
SR – A ecco! …per andare a caccia bisogna organizzarsi. Giustamente..!

Gg – E certamente! I stivali, ’u cappott’ ’mpermeabile, i cazune verde, ’u passamuntagne ’i lane, i guante ’i lane, ’a bussola, ’a macchinetta d’u cafè, ’u furnellette, ’u fiasch’i vine, ’u ’mbrelle, ’a tivvù portabile, ’a carta igienica, ’na decine ’i sasicce…
SR – E bastaaa! Ma che devi andare a fare la guerra? Mamma mia. E comme t’a puorte tutta ’sta ’rrobba?

Gg – Uggesù! …chell’a caccia è ’na cosa seria! O ’a faie o nunn’a faie. Chelle ca ce vo’ ce vo’!
SR – Ho capito, ma io pensavo che bastasse il fucile e il cane. Tu qua stai facendo un trasloco. Comunque continua. Racconta…!

Gg – Allora… so’ asciuto i tre a’ matina e aggio sistemato tutto al posto giusto. I’ me sono appustato ’ndi frasche ’ngopp’a ’na seggia d’u salotto ’i Assuntina.
SR – Pure la sedia ti sei portato?

Gg – Essì, tu he capi’..! ca l’età ce sta! …a forz’ ’i sta assettate pe’ fa’ ’a posta me fanne male’ i marroide. I seggie d’u salotte ’i vellute so’ commode averamente. Pozza appuia’ ’a schiena, tènene i molle… e quanne me capita me faccie pure ’nu sunnariéll’.
SR – Incredibile!

Gg – E po’ aggie sistemate sette fucile, quatte cane, cinche zaini ’i cartucce, vintiduie richiami abbusive, ’nu binocolo cu ’a matricula abbrasa e duie cannucchiale: uno p’a notte e uno p’u iuorno.
SR – Giggi’, mi fai paura. E allora?

Gg – A ’nu cierto punto, mentre se steve mettenne ’na bona situazzione, m’he venute ’nu muvimento ’i viscere. Chella cazz’ ’i Assuntina a sera primma m’ha fatte ’nu muntone ’i puparuòle…
SR – Ecco l’imprevisto. E allora?

Gg – Allora aggie lasciat’ ’a postazzione e me ne so ghiute ’ndi palette… a scarreca’.
SR – Hai lasciato tutto incustodito?

Gg – E certamente, comme aveva fa’? I cane penzene sule i cazz’ alloro… e gli amici tuoi m’hanno fatt’ ’u servizzie.
SR – Non mi dire! Ti hanno rubato i fucili? Le cartucce? Oppure i binocoli?

Gg – Macché, ammagare! ’Sti quatte mariuole bastarde se so’ futtut’ ’a seggia ’i Assuntina! …E mò chi ’a sente a chella!?

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.