Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-03 mm ss-20 vg-02 42 aragoste

Mo’ vene Natale…

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, mi sbaglio o ieri sera da te ho visto accese le luci di Natale?
Giggino – Embè?! …e pure si fosse? Uno mo’ nunn’è manche patrone ’i appiccia’ ’na luce?

SR – Come no? Per carità! Mi facevo meraviglia che stiamo a settembre e Natale è ancora lontano. E poi non era ’na luce sola, ma tutt’i luce. Lo devi ammettere… la cosa è alquanto strana.
Gg – Ma pecché, ce stesse ’na legge che dice quando s’anna appiccia’ o stuta’ i luce ’i Natale? Fammell’a’ssape’ che io mi ateguo.

SR – Uilloche! Se mette subito sul “chi va là”. Vorrei sapere. Tutto qui.
Gg – “Tutto qui”!? …Chist’ è addeventate ’u paese d’i cazz’i’llate.

SR – Giggì, devi ragionare… sei tu che attiri l’attenzione con queste stranezze!
Gg – ’Ueeee! I’ ’na prova aggie fatte. Te si’ truvat’ a guarda’ propie ’nda chillu momente! I’ che ciorta che tenghe!

SR – Hai fatto una prova! Ho capito. Adesso… per Natale. Mah!
Gg – Essì. Adda funziona’ tutto. Manca sule ’u babbenielle ’ndu presepie e i re maggi.

SR – A ecco. Per quelli c’è tempo.
Gg – Certamente. E che ce vo’ a ’i mette. È ’n’attimo.

SR – Quindi, da questo suppongo che hai già fatto pure il presepe. Non solo le luci.
Gg – Essì! …e mo’ conviene. I pasture costano ’a metà, i pastocchie se trovano a vuluntà e l’aggie surgelate, i regali stanne a buon prezzo, i luce ’mmane i marucchine nun costene niente… ’Uagliò mo’ cunviene.

SR – Io certe volte non so bene chi è quello fuori dal normale. Sinceramente mi sento in disagio.
Gg – E chelle nunn’è colpa toia. È ’a natura ch’è stata crudela cu’ te.

SR – Essì, probabilmente hai ragione tu!
Gg – Mo’ vavatténne ch’aggia appripara’ i bbaliggie.

SR – Ah! …e dove devi andare?
Gg – A Cuba.

SR – A Cuba?
Gg – Essì, mo’ ce vedimme ’u 24 ’i dicembre.

SR – Ah! perciò hai preparato tutto! Adesso si spiega! E che vai a fare a Cuba?
Gg – Un corso di barista professionista per bubbazza scekerata al rum.

SR – Tre mise?!
Gg – Pe’ cierti ccose ce vo’ ’u tiempe suie

SR – Giggi’, dimm’a verità, che vaie a fa’ a Cuba?
Gg – Penna, pilo e cotillon… e po’ a Natale appiccie i luce e me cunfesse..! Chille ’u prevete è n’amico..!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.