Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-25 ernesto-a k1-14a 77 97 11

Storie di Madri. (15) Orfano

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

.

Ancora da madrigaleperlucia.org un breve racconto sulla Madre

Datemi un mesto pensiero…
di Saul De Domenico

Orfano: aggettivo, si dice di bambino o ragazzo che ha perduto uno od entrambi i genitori.

Sono un orfano, di entrambi i genitori, non li ho solo perduti ma mai conosciuti. Mia madre mi è sopravvissuta solo nove giorni, il tempo, prima che una febbre maligna la portasse via, di stringermi a se e riempirmi di baci amorevoli. Mio padre se ne è andato poco dopo, dicono per i l dolore della perdita di mia madre.

Tuttavia quando penso a mia madre, è il pensiero di una presenza non di una mancanza. Mi guarda da quando sono nato dal suo bellissimo ritratto con la sua elegante pettinatura corvina ed i gioielli importanti che le ornano il collo e le orecchie. Quegli occhi neri sono stati dipinti per guardare me. Mi hanno confortato nelle mie lunghe permanenze nei collegi più esclusivi, in guerra riparato nella trincea gelida e puzzolente. Sono diventati severi quando reduce dal tavolo verde mi sono giocato una fortuna.

Spesso ho pensato a come sarebbe stata la mia vita se lei ci fosse stata; per ore guardavo le madri dei miei amici quando ero con loro per cercare di capire dove fossimo diversi. Da bambino quando entravo in una stanza con altre persone sentivo intorno a me un’aria di commiserazione e pena per me povero orfano. Ma lei c’era. Non riuscivo a spiegarlo a nessuno ed alla fine non ho neanche più tentato.

E’ solo da poco, forse perché gli anni mi pesano ed il mio cammino volge al termine, che sono stato a visitare la sua tomba. Ho avuto bisogno dei segni della morte per dare senso alla mia di morte.
“Datemi un mesto pensiero” – è l’incipit del suo epitaffio, e mi sono sentito orfano davvero, ho percepito per la prima volta la sua mancanza.

Uscendo dal camposanto mi sono sentito stanchissimo ma compito. Ora sì, ora posso.

 

In condivisione con: www.madrigaleperlucia.org

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.