Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

k1-17a v2-11 cappella-giancos ss26 giuseppe-vitiello Una giovane cernia bruna: Epinephelus marginatus

Cara Teresa…

Condividi questo articolo

di Rosanna Conte

 

Cara Teresa,
è passato un mese, ma io ancora mi ritrovo a pensare di chiamarti perché ti devo parlare.
Non spariscono nel nulla confidenze, consigli, sfoghi, attenzioni, esperienze… il carico di affetti di un’intera vita.
E come potrebbe sparire un’amica come te!

Agli inizi di agosto, a telefono ti chiedevo: Teresa, come stai?
E tu rispondevi: Insomma… discretamente, ma dimmi di te. Stai bene? Stai andando a mare? E’ bel tempo, approfittane.
Ti preoccupavi per me!
Tu eri così, sempre preoccupata per gli altri e nei momenti più difficili come in quelli più belli non dimenticavi nessuno.

La tua casa era sempre aperta, ospitale, accogliente.
Mai hai considerato il benessere un’occasione di spreco e mai hai fatto sfoggio di inutili sfarzi.
Era la tua etica, quella che avevi portato con te dall’isola in cui eri nata e cresciuta. Ad essa avevi aggiunto, di tuo, il piacere della condivisione.

Come hai amato la vita! Le canzoni, il ballo, la convivialità, gli amici… e la tua allegria, ereditata da papà Silverio, era contagiosa.
E il mare! Lo cercavi sempre, era la tua aria.
Un giorno, seduta sul bordo della barca, con i piedi in acqua, mentre ti bagnavi il viso con le mani dicesti: ’A cosa cchiù bella c’ha ’nventato ’u Pateterno è ’u mare..!
Amavi molto la tua isola con le sue tradizioni, la sua bellezza e la sua gente, quella che, come le patelle, rimane attaccata a questo scoglio e non vuole lasciarlo.
Gli ultimi discorsi fra noi due, ai primi di agosto, hanno riguardato proprio Ponza, i suoi giovani e il suo futuro. E’ sempre stato, questo, un tuo cruccio.

Cara Teresa, col tuo animo poetico e sensibile sei sempre riuscita ad esprimere nel nostro dialetto i sentimenti più impellenti.
Ricordi quel che hai scritto per l’altra Teresa? Guarda un po’, oggi vi ricordiamo ambedue.
Sono sicura che avresti trovato la giusta dimensione anche per parlare di questo.
Lo so, non ho detto tutto di te e certamente non l’ho detto come avresti fatto tu, ma so che non me ne vorrai e continuerai a guardarmi col sorriso sulle labbra, mia cara amica!

 

Avviso
Oggi 23 settembre, alle 18, presso la Chiesa della SS. Trinità ci sarà la messa la Messa di suffragio per Teresa Pagano e per Teresa Parisi, insieme, visto che per la prima è un mese e per la seconda sono 4 anni dalla scomparsa.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.