Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0023-023 12 19 45 Un rimorchiatore rimesso a nuovo Prateria di Posidonia oceanica

Fall – Autunno

Condividi questo articolo

proposto da Silveria Aroma

 

“La poesia è morta, pure nella vendemmia!
Ora si fa con questo trappolone che accavalla i filari,
aspira tutto, sputa le foglie e ripiscia il mosto…
Bleah!”
[Anonimo poeta rustico, inizi XXI sec.]

.

In barba a chi crede che la modernità, il consumismo, la fretta… abbiano ucciso la poesia, io ripeto: la poesia è immortale!

Era, è, sarà in ogni sguardo che cola dagli occhi come in ogni frammento vissuto o letto… nonostante la vendemmia meccanica che ti rabbuia, amico mio.

Autunno

Autunno. Già lo sentimmo venire
nel vento d’agosto,
nelle pioggie di settembre
torrenziali e piangenti
e un brivido percorse la terra
che ora, nuda e triste,
accoglie un sole smarrito.
Ora che passa e declina,
in quest’autunno che incede
con lentezza indicibile,
il miglior tempo della nostra vita
e lungamente ci dice addio.

                                                                 [Vincenzo Cardarelli]

 

Il nome suo è Autunno

Il nome – suo – è “Autunno”
Il colore – suo – è Sangue
Un’Arteria – sulla Collina
Una Vena – lungo la Strada

Grandi Globuli – nei Viali
E Oh, l’Acquazzone di Tinte
Quando i Venti – rovesciano il Bacile
E versano Pioggia Scarlatta

Sparpaglia Berretti – laggiù
Forma rubicondi Stagni
Poi – avvolgendosi come una Rosa – se ne va
Su Vermiglie Ruote

                                                                      [Emily Dickinson]

The name – of it – is “Autumn”
The hue – of it – is Blood
An Artery – upon the Hill
A Vein – along the Road

Great Globules – in the Alleys
And Oh, the Shower of Stain
When Winds – upset the Basin
And spill the Scarlet Rain

It sprinkles Bonnets – far below
It gathers ruddy Pools
Then – eddies like a Rose – away
Upon Vermilion Wheels

“Ma sapeva, sentiva che sarebbe presto giunto il momento in cui il vento autunnale, un vento devastatore e ancora caldo, avrebbe soffiato su quegli armadi, e questi allora avrebbero ceduto e niente sarebbe riuscito a contenere la loro piena, quelle fiumane di colore che avrebbero inondato tutta la città…”

[Bruno Schulz, in “La notte della grande stagione”, da: “Le botteghe color cannella” – continua a leggere qui]

Tranne le immagini della vendemmia ai Castelli (quella che sembra una centrale atomica, in fondo, sono i silos per il vino di una cantina sociale), tutte le foto sono dell’autrice.
1. Spiaggia con foglia morta
2. Non diventerà vino…
3. Quel che resta dell’estate. Daucus carota (pastenaca)
4. Libellula
5. Una calma giornata di settembre

Condividi questo articolo

1 commento per Fall – Autunno

Devi essere collegato per poter inserire un commento.