Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_14-01-48 i-36 asilo-01 matrimonio-straullu massimo-di-cataldo Il corallo solitario:  Balanophyllia europea

La chiesa della S.S. Trinità… perde i pezzi

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino

.

Nella lunga, calda e movimentata estate ponzese credo che non saranno sfuggite ai più le condizioni in cui versa la nostra chiesa più importante, quella del Porto intitolata alla S.S. Trinità, come recita l’iscrizione interna, posta sull’altare principale, anche se in tempi più recenti essa viene definita “San Silverio e Santa Domitilla”. Naturalmente dissento da questa seconda versione, con tutto il rispetto per i nostri due Santi: ma non è di questo che intendo parlare.

Le due foto allegate, scattate a giugno, e che raffigurano la fiancata esterna che dà sulla strada, descrivono lo ‘stato dei fatti’ meglio di ogni parola.

Nel mese di agosto mi è capitato di vedere pezzi di intonaco caduti sulla base dell’altare di San Silverio. Inoltre una decina di giorni fa ho notato che uno dei piccoli tondi alla base della cupola raffiguranti una serie di papi si è quasi del tutto staccato dalla parete, rimanendo attaccato solo per un lembo. Si tratta in particolare del ritratto di papa Innocenzo III, che si trova in alto sulla destra, dando le spalle all’altare principale; per fortuna il suo omologo sul lato sinistro, di cui non ricordo il nome, sembra al momento godere di ottima salute. Bisognerà quanto meno fare attenzione quando quel pezzo cadrà per terra, in modo da recuperarlo per intero; anzi l’ideale sarebbe rimuoverlo con delicatezza, conservandolo con cura in vista di un suo restauro. Forse in questi giorni è stato già fatto.

Del resto anche le condizioni degli altri affreschi che si trovano sulla parte sottostante la cupola sono in condizioni pietose. Ma torniamo all’esterno. Molti, e io con loro, ricorderanno che diversi anni fa erano stati montati dei ponteggi, che sembravano preludere all’inizio di lavori più o meno immediati. D’altronde, se si era arrivati a quel punto, abbiamo pensato all’epoca, degli interventi sono stati previsti e una cifra per essi sarà stata stanziata… Macché! Le impalcature sono tate rimosse e tutto è tornato come prima. Cosa significa questo? Che ‘l’ottimismo’ era stato immotivato, o i soldi previsti per quell’intervento sono stati spesi altrove?

Non abbiamo notizie al riguardo, e ci piacerebbe molto che qualcuno addentro alle cose ci informasse. In compenso, grazie a una donazione privata, un paio di anni fa è stato sostituito il vecchio altare con uno nuovo, più brutto e meno funzionale dell’altro: un intervento del tutto inutile, la cui spesa magari poteva essere convogliata altrove.

Residenti e turisti inoltre quest’estate avranno avuto modo di notare che sull’ingresso dei “Cameroni dei confinati” di Via Roma è stata aggiunta la scritta “Chiesa Cristiana Evangelica”, che ormai sovrasta e ‘oscura’ quella storica, posta più in basso a sinistra.

Con tutto il rispetto per chi professa quella fede, forse si poteva trovare un luogo più idoneo al culto, distante sia dalla chiesa della S.S. Trinità che dai Cameroni dei confinati, dove tra l’altro presto dovrebbe nascere il Museo civico dell’isola. Pare che si tratti di uno degli ultimi regali pre-elettorali dell’ex sindaco: speriamo almeno che i voti degli evangelici ponzesi non gli siano venuti a mancare.

Condividi questo articolo

5 commenti per La chiesa della S.S. Trinità… perde i pezzi

  • FERMINA

    Buongiorno, sono un po’rattristata del commento rivolto al locale di culto evangelico: il rispetto che menziona e’ fuori luogo. Ma come giustamente la parola di DIO viene adoperata in fatti e non a chiacchiere dice: “Perché se trattano così il LEGNO VERDE, che avverrà del legno secco?” (Luca cap. 23 v31). Per essere precisi non avevamo bisogno di dare dei voti alla vecchia amministrazione perchè sapevamo che DIO E’ Sovrano, E’ DIO non è un uomo, SE DIO FA UNA PROMESSA Lui la mantiene LUI INNALZA, LUI ABBASSA. Pregate di più, chiacchierate di meno. Saluti

  • Luisa Guarino

    Cosa significa “il rispetto che menziona è fuori luogo’? A me sembra una premessa importante, peraltro convinta, che avrei espresso nei confronti di qualsiasi altro tipo di culto. “Sapevamo che Dio è Sovrano”: perché il tempo imperfetto? Spero continuiate ad esserne certi anche ora e sempre. Non so fare citazioni evangeliche, né mi compete. In quanto redattrice di Ponzaracconta invece “chiacchierare”, anzi scrivere, quello sì che mi compete. Tanto a pregare, per tutti immagino e quindi anche per noi, c’è già chi ci pensa. Ricambio i saluti.

  • Giovanni Conte di Silvano

    L’altare è stato sostituito per volere del precedente vescovo e sono d’accordo che è brutto e poco funzionale, anzi aggiungo che è stato inopportuno sostituirlo. Per quanto riguarda le impalcature a cui si fa riferimento nell’articolo, esse sono servite a sistemare parte della cupola e precisamente quella tra i due campanili, è stata rinforzata la stessa e sono state sostituite le tegole, poi più nulla all’esterno; ultimamente sono stati fatti dei lavori di ripulitura interna per far riaffiorare gli affreschi, mi chiedo, a che pro fare lavori all’interno senza finire i lavori all’esterno? Rispettiamo tutti prima di pretendere il rispetto altrui.

  • Luisa Guarino

    Caro Giovanni, grazie per aver spiegato cosa è stato fatto negli scorsi anni per la parte esterna della chiesa. A che pro fare altri lavori all’interno? – ti chiedi. Per evitare che dopo papa Innocenzo III qualcun altro possa perdere la testa, o la faccia. E naturalmente si dia al più presto il via anche ai lavori esterni, perché così la nostra chiesa è davvero indecorosa e potrebbe diventare anche pericolosa.

  • Giovanni Conte di Silvano

    sinceramente vorrei chiedere a chi di dovere perchè ha iniziato i lavori all’interno senza finire prima l’esterno,mi sembra una decisione poco sensata. Ci sarà qualcuno in grado di darmi una risposta? Per poi darti ragione che la cupola potrebbe diventare anche pericolosa,ti dico già è pericolosa perchè circa un anno fa si è staccato un rosone dal cielo che ha danneggiato l’organo liturcigco

Devi essere collegato per poter inserire un commento.