Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c-01 u-30 ss18 37 corrida10 giovanni-darco-1973

L’isola ci serve

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Menu male che è fernute ’a staggione. Hu hu! Menu male!
Sang’ ’i Retunne – Giggi’! ’N’ata vota cu’ ’sta storia d’a staggione? Cosa è che ti dà fastidio dell’estate? Dimmi! Cosa?

Gg – Uggesù, e so’ dumand’a fà? Me dà fastidie ’a gente frastera. Chest’è!
SR – Giggi’, tu he arraggiuna’! La gente ci porta da campare, porta i soldi. E’ chiaro?

Gg – A sì? Porte i sorde? Pure a me?
SR – E certamente! Pure a te! Anche se non vivi direttamente di turismo, indirettamente i benefici del turismo arrivano anche a te. Questo è sicuro!

Gg – A sì? Indirettamente?! Però a me i scatule m’i scassano “direttamente”. E mich’è iust’!
SR – E sono i pro e i contro della legge di mercato, dove vige il dare-avere!

Gg – Ma quanne maie! Cca ’u mercato nunn’arrrive cchiù ’a paricchiu tiempe. E tu te ne viene… pe’ piacere lasciamm’a perde ’stu discorso d’u mercato che Assuntina sta ’ndussecate malamente!
SR – E ’na parola! E mo’ che devo fare per farti capire come funziona l’economia e che il mercato non è quello che intendi tu?

Gg – E tu famme ’n’esembio.
SR – Allora… ’Nu frastiere vene e s’accatta ’nda piscaria ’nu chile ’i retunne che tu hai pescato. Mo’ chilli sorde vanno pure a te. E’ chiaro?

Gg – E chi ci’u dice a isse ’i s’accatta’ propiete i retunne mieie? Ca po’ zi’ Rusina s’angazze cu’ miche che nunn’i trove chiù! Nun me pare ’na cosa iusta! Io ai frastiere i retunni non ce li vento! Punto e basta!
SR – Ho capito, ho sbagliato esempio. Allora… ’Nu frastiere s’affitta ’a casa d’Andonie e ’u paga. Andonie cu’ chille sorde s’accatta i retunne che tu he piscato. E così i soldi vanno alla pescheria e pure a te.

Gg – Ma quanne maie!? Andonie, chille sorde s’i va a iuca’ a carte e s’i beve! Saie quanne se ne fotte d’i retunne mieie?
SR – Madonna mia, Giggi’! E che cazze, nun te ne va’ bona una?

Gg – Si’ tu ca nun te saie spiega’! Fammene ’n’ate, d’esembio.
SR – Ecco! ’Nu frastiere vene e s’affitta ’na varca pe tutt’u mese addu Vecienze. Paga bene e Vecienze cu’ chilli sorde fa ’a spesa, s’accatta ’a muzzarella, ’u parmigiano, ’na cascia ’i rum… s’accatta pure ’n’ata varca e va a pesca’ i retunn’e s’i venne! Quanta gente ci campa in questo giro?

Gg – Ha! …chilemmuorte! Allora è isse che se fott’ ’i pisce mieie? Quann’u cchiappe ce romp’a capa!
SR – Giggi’, e che cazze! Era solo un esempio! Vicienze lasci’u sta’, nun c’entra!

Gg – Sì però, nu’mm’he ditt’ ancora i’ che cazze ce guadagne ch’i frastieri! A me danne sule fastidio e fanne fuie i pisce! È meglio ca nun ce vènene propie! Tant’ ’i piscie, ’u parmigiano, ’u rum e a muzzarella ci’ccattamme nuie.
SR – Giggi’ sai che ti dico? Tieni ragione tu! Fai una cosa: quando arriva l’estate lascia tutto e vavattenne! Migra, espatria, magari fuietenne a Zannone e lascia campo libero che qua l’isola ci serve! È chiaro?

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.