Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0012-012 h-33 i-07 l-02 ernesto-23-05-08 89

Uocchie e maluocchie

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Mo’ tu m’he spieca’ a me addo’ sta ’u probblema. Daie, dimme tu ch’he stutiato. Pecché accate questo? Dimme, dimme!
Sang’ ’i Retunne – Come no? Io ti dico tutto, ma tu Giggi’ m’he dice qual è ’u problema?

Gg – A sì? Lo vuoi sapere da me? E tu nn’u sai? Ch’he stutiàt’ a ffa’???
SR – Giggi’ io non sono un indovino, non sto nella mente delle persone; se mi racconti i fatti io, se posso, ti dò le spiegazioni. Altrimenti arrangiati!

Gg – Bell’arrobba… amico ’ncoppa, amico sotto, e ecco qua i risultati. M’aggie arrangia’. Ma va, va… Bella chiaveca che si’!
SR – Delle volte penso che questo scoglio emette delle radiazioni particolari che acchiappa al carattere delle persone. Mah!

(…camminando per il “giardino” di Giggino)

Gg – ’Uarda cca! Te pare ’na cosa iusta chesta cca? Dimme tu!
SR – Azzo Giggi’… e quanti peperoni! Ma quanti ne hai seminati? Non ti sembrano un po’ troppi? E sono pure di quelli forti..! Alla faccia! Cosa ne devi fare?

Gg –È chistu cca, ’u fatte! Aggie piantat’ i cucuzzelle e spontene i puparuole? È ’nu mistero, chiste!
SR – Giggi’, ma quale mistero?! Se nascono i peperoni è perché hai piantato i peperoni. Chissà che hai combinato, tra una birra e ’nu fiasch’i vino!

Gg – Me pare ’i sent’i a Assuntina. Ie nun beve birra ’a sei mise. Ogni tanto ’na meza butteglia ’i rum, quanne propie me piglia ’u poche ’i  nostalgia… Mo’, dich’ie, che ci’aggia fa’ cu’ tutte ’sti cazz’ ’i puparuole forte?
SR – Scusa, ma i semi dove li hai comprati? È là che sta il problema.

Gg – A sì? Vuo’ dice che m’ha ’mbrugliate chi m’ha vennute i semmiente? Ma no, non è possibile! È ’na cara amica mia. Non si permetterebbe mai!
SR – Uggesù!! Tu come gli hai chiesto?

Gg – Ci’aggie ditte: “Damme i semmienti p’i cucuzzelle”.
SR – E chelle, invece, t’ha date i semmient’ p’i puparuole.

Gg – Azz! Secondo te ess’è stata? Ma no! Nun credo propio.
SR – E certamente! Perché, secondo te, quale altra spiegazione ci può essere?

Gg – ’U probblema è che cca nisciune se fa i cazze suoi e me pigliano d’uocchio! Chest’è!
SR – Giggi’ tu devi ragionare, non puoi credere ancora a queste cose. Stiamo ancora a credere al malocchio? È mai possibile che qua siamo rimasti nel ’700? ’Uaglio’, stiamo nel duemila!! Quello che pianti cresce. Se pianti cucuzzelle nascono cucuzzelle, se pianti peperoni nascono peperoni. Punto.

Gg – Azz! Tu pure tiene raggione! Ma comme cazze è potute succede che ie piant’ i cucuzzelle e chille invece nasciene i puparuole? ’U probblema ce sta overamente. I puparuole forte so’ contro ’u maluocchie, eppure nun ci’hanne putute manch’alloro. Penza che maluocchie potente! ’Nu mistero! Ce sta ’a ave’ paura!
SR – E dalle Giggi’! …il malocchio proprio non c’entra e non perché si tratta di peperoni forti. Tu di questo devi esserne convinto. Hai capito?

Gg – So’ convinto! Comme no? Chella è stata Assuntina che m’ha pigliate d’uocchie. È gelosa ’i chella che venne i semmienti e me l’ha tirata. Essa è stata. ’A gielusia è stata! E ce vo’ ’stu puparuolo p’a scassa’. Penza che ’na catena sana sana ’i puparuole forte nunn’è abbastata! È ’na iettatrice fattucchiera! Chest’è!
SR – E mo’ che c’entra questa cosa ? Mica la gelosia di Assuntina può generare una mutazione genetica?

Gg – Azz no? Mentre m’arravugliàv’ ammiezz’i cascette e i zizze d’a signora d’a frutta, se sarranne ammescate ’i buste e llà s’è fatt’ ’a ’cunfusione.
SR – Hai visto qual’era la vera causa? Sei stato tu, brutto maiale vizioso che non sei altro!

Gg – Ma quanne mai!? È stato propio a chillu mument’ che m’ha accuòvete ’u maluocchio ’i Assuntina… e m’ha fatte fa’ ’stu ’uaie..!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.