Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-r paolo-15 e-07 6 63 giuseppe-vitiello

A Ponza, un Convegno sulla biancolella

Condividi questo articolo

ci viene segnalato in redazione e volentieri pubblichiamo

 

Convegno

“La Biancolella di Ponza”

tra viticoltura eroica, biodiversità e mercato.  Il percorso di recupero e le opportunità
Comune di Ponza
Sabato 23 settembre 2017 dalle ore 16.30

Cliccare sull’immagine per ingrandirla

Note
Il Convegno di terrà nella Sala Consiliare

L’ARSIAL è Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio

 

File .pdf (scaricabile) della Locandina: Locandina convegno biancolella Ponza

Condividi questo articolo

3 commenti per A Ponza, un Convegno sulla biancolella

  • Sandro Russo

    Singolare – e anche un po’ schizofrenico – il comportamento dell’Europa sulla questioni agricole; a volte improntate ad una superficialità che si fatica a comprendere.
    Circa 25 anni fa le direttive comunitarie erano di espiantare le vigne, perché c’era eccedenza comunitaria del prodotto. Lo ricordo bene perché ai Castelli dover abito io ci fu una corsa a togliere vigne per intascare i pingui rimborsi comunitari. Molti si buttarono su coltivazioni inusuali… kiwi, feijoa, babaco… Chi li aveva mai sentiti nominare, prima?
    Da una decina di anni circa, la tendenza è invertita: si cerca di recuperare i vecchi vitigni perché i vini pregiati si sono scoperti economicamente vantaggiosi.
    Ed ecco che reimpiantiamo la Biancolella e facciamo Convegni…

  • Biagio Vitiello

    Anzi, ricordo che l’amministrazione di quel tempo dovette fare tassativamente una pianta topografica con l’allocazione dei vitigni esistenti a Ponza che allora erano pochissimi (lo si potrebbe accertare dalle fotogrammetrie aeree). A parte i piccoli appezzamenti familiari, tra le aziende vitivinicole era presente solo quella della moglie di Maurizio Pouchain.

  • Admeto Verde

    Ottimo il convegno.
    Però ricordiamoci che la Biancolella è vitigno tipicamente ischitano!
    Grazie ai contadini ischitani del passato è presente anche a Ponza.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.